«

»

Feb 21

The Shipping News

Locandina

Questa non è una recensione, credo, ma solo un consiglio di visione. The Shipping News è un film davvero curioso. Lo vidi al cinema aspettandomi tutto fuorché quello che mi passò davanti sullo schermo. Il solito trailer ingannevole, lo avevano dipinto come un film con elementi paranormali e qualche venatura horror. L’unica cosa che trovai come me l’aspettavo, fu l’ambientazione, uno dei motivi per cui andai a vederlo. Le distese quasi deserte di Terranova, con il suo vento constante e l’onnipresente cielo grigio, sono uno spettacolo irresistibile per i miei occhi.

Qualche sera fa l’ho rivisto a tarda notte su Sky e per la terza volta, posso dire che è un bel film, carico di sottotesti e significati nascosti. Questa volta ne ho trovati anche di nuovi, forse perché avendolo già visto potevo concentrarmi su altro.

In breve, Quoyle (Kevin Spacey) è l’uomo zero, anzi sotto zero. Un’esistenza grigia e triste, fatta

La dolcezza fatta donna... come no!

di lavoro noioso e pochi stimoli. Uno di quelli che subiscono la vita, come dico io. Per un caso del destino, incontra Petal (Cate Blanchett), se ne innamora perdutamente, la mette incinta e nasce la loro figlioletta Bunny, che si lega immediatamente al padre. La madre infatti, non è proprio la moglie che vorremmo tutti, piena di amanti occasionali e perennemente ubriaca. Dopo anni passati così, Petal prende Bunny, la vende sul mercato delle adozioni illegali e scappa con un uomo. Fortunatamente la polizia rintraccia Bunny e la riporta a Quoyle, insieme alla notizia che Petal è morta in un incidente d’auto.

Come se non bastasse, si suicidano pure i genitori di Quoyle. A questo punto penserete che la vostra vita è di gran lunga migliore di quella di quest’uomo, e avete pienamente ragione. Appare per fortuna zia Agnis, che si porta via Quoyle, Bunny e le ceneri del padre, suo fratellastro, strappandoli alle loro vite tristi e invitandoli a vivere a Terranova, nella vecchia casa della famiglia.

All’arrivo, sull’istmo dei Quoyle, che prende appunto il nome dalla famiglia, trovano la vecchia e decrepita casa, ancorata con cavi d’acciaio per impedire che il vento la porti in mare.

La casa dei Quoyle

E qui inizia a migliorare la vita di Quoyle e di Bunny. Lui trova un lavoro in un giornale, passando dal vecchio ruolo di tipografo a quello di giornalista, e Bunny diventa amica della zia. Inoltre troveranno amici e pure una vedova che si innamora di Quoyle. Tutto inizia a filare liscio, anche se i sogni trasmessi dalla casa sia all’uomo che alla figlia, suggeriranno che una maledizione incombe su di loro, ereditata dal passato di pirati della famiglia Quoyle.

Quoyle e la zia

Il resto del film riserva altre sorprese, tra cui la chiave di lettura della figura di questa decrepita dimora di famiglia, che lascio a voi trovare.

Tra le altre cose, segnalo anche l’ottimo cast, comprensivo oltre a Spacey e la Blanchett, anche di Judi Dench e Rhys Ifans. Guardatelo se non lo avete ancora fatto!

7 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Cristina

    Visto!!! e come mi è piaciuto! forse mi sono persa l’inizio perchè mentre ti leggevo mi dicevo:” Che film è?” .Poi un flash quando siam arrivati al loro trasferimento!! mamma come c’ero rimasta male quando l’ho visto!!
    Buona visione a chi seguirà il tuo suggerimento! Buona giornata!

    1. Marco Siena

      Come hai perso l’inizio?

      1. Cristina

        L’ho visto un sabato mattina qualche mese fa mentre facevo le pulizie di casa… son arrivata che era già iniziato e mi son fatta intrippare… Avrò finito le pulizie!? non mi ricordo!

  2. LaKate

    Adoro Kate Blanchett, quindi non mi resta che trovarlo e lo guarderò.
    Grazie della segnalazione!

    1. Marco Siena

      Qui c’è sua sorella Cate. Kate aveva un impegno in quel periodo 😛 A parte gli scherzi, guardarlo attentamente, perché la simbologia è importante in questo film.

  3. LaKate

    Perdonami, avevo appena scritto il mio nick e mi sono imbarbagliata 😉

    1. Marco Siena

      😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: