«

»

Mar 21

Giornata Mondiale della Poesia

Giornata mondiale della poesia. Oggi, 21 marzo 2012. Io non lo sapevo, l’ho letto per caso. In verità la poesia mi piace in misura molto contenuta. Ci sono di quelle che mi hanno preso, altre che non mi hanno detto nulla. In linea di massima, difficilmente ne leggo. Però, alcuni autori, tra cui Yeats, mi hanno segnato dalla prima volta che li ho incontrati. Bene, taglio corto. Posto questa che è da sempre la mia poesia preferita per eccellenza. Godetevela.

He Wishes for the Cloths of Heaven- William Butler Yeats
Had I the heavens’ embroidered cloths,
Enwrought with golden and silver light,
The blue and the dim and the dark cloths
Of night and light and the half-light,
I would spread the cloths under your feet:
But I, being poor, have only my dreams;
I have spread my dreams under your feet;
Tread softly because you tread on my dreams.

William Butler Yeats

Se avessi il drappo ricamato del cielo,
intessuto dell’oro e dell’argento e della luce,
i drappi dai colori chiari e scuri del giorno e della notte
dai mezzi colori dell’alba e del tramonto,
stenderei quei drappi sotto i tuoi piedi:
invece, essendo povero, ho soltanto i sogni;
e i miei sogni ho steso sotto i tuoi piedi;
cammina leggera, perché cammini sui miei sogni.

11 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. claudio vergnani

    Sì, niente da dire, rimane una poesia stupenda. Io quoto Montale e il suo dignitoso, profondo, struggente desiderio d’essere un uomo

    1. Marco Siena

      Io e Yeats ci siamo sempre capiti. Anche Keats ha qualcosa che mi piace, e Baudelaire chiude il cerchio.
      P.S. Dopo questa poesia tra l’altro facevano fuori il Cleric…

  2. Alice

    Peccato che non sia a casa e che la mia memoria faccia acqua, mi sarebbe piaciuto condire il post con un’altra povesia. Di Emily Dickinson. Domani, magari, anche se è un peccato averlo scoperto tardi (dal telegiornale)

    1. Andrea Rizzi

      Alice di Dickinson mi ricordo: “Non bisogna essere una casa, per essere infestati” Una gran donna.

      1. Alice

        si, mi fa una malinconia.. ha avuto una vita così breve e apparentemente insulsa, mentre dentro aveva un mondo.

      2. Marco Siena

        Vedeva anche un altro mondo

  3. Marco Siena

    Ahi- ahi 😀 Attenderò

  4. LaKate

    cammina leggera, perché cammini sui miei sogni.

    God… che meraviglia…

    1. Marco Siena

      Yeats sapeva il fatto suo 😀

  5. Andrea Rizzi

    In ritardo:
    Ecco la poesia che mi ha intasato il cuore.
    Pensa l’ho anche messa in musica.
    Dannazione se solo sapessi suonare, se solo sapessi cantare 🙁
    Un bimbo e sua zia alle prese con il dolore.

    STEFANO BENNI – ZIA

    Sono stanca, hai detto
    levandoti il camice
    così piccola, di colpo
    con le scarpette di gomma
    nei corridoi silenziosi
    dove è padrone il dolore
    La testa china su una cartella
    pressione azotemia glicemia
    i miei giochi di parole
    per farti ridere
    e portarti via. Zia. Non posso
    devo finire
    gli alberi sono rossi di sole
    stanotte forse muore
    la camera cinquantotto
    e noi decidiamo se andare al cinema.
    La mia malattia
    è la tua. Il dolore
    degli altri non si stacca
    dalla pelle
    nè lasciando un camice
    nè finendo una poesia
    e sono stanco, anch’io
    che non salvo vite
    e non curo ferite
    neanche le tue e le mie.

    1. Marco Siena

      Stefano Benni non mi è nuovo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: