Mar 24

Rusty’s Screwdriver

Conobbi questo drink nel lontano 1997, tramite un ragazzo francese ospite da queste parti. La maggior parte della gente che avevamo intorno sapeva sì e no l’italiano, quindi mi arrangiavo come potevo a fare io da interprete, in inglese e non in francese, perché di questa lingua non ricordavo nulla. Stavo cercando un’alternativa alla birra per dissetarmi in un locale all’aperto che frequentavamo quell’anno. C’era un caldo infernale, la sente era tanta, e la money poca. Quindi urgeva trovare qualcosa che durasse per un po’, facesse sparire la sete e non la facesse ritornare. Il ragazzo, che si chiamava Benoit, mi propose quello che lui chiamava Orange Vodka. L’ho sentito chiamare anche Vodka Orange e solo più tardi ho scoperto che, nel settore, il suo nome era Screwdriver. Ebbene, chi ha letto il mio romanzo lo conosce bene. Passiamo alla ricetta, se così la vogliamo definire:

3/10 di vodka
7/10 di succo d’arancia
1 fetta d’arancia sul bordo
q.b. cubetti di ghiaccio

Arancia classica

Non viene di solito specificato il tipo di succo di arancia, tant’è che c’è chi usa l’aranciata frizzante, oppure l’arancia rossa. Ora non ricordo il nome che prende se usiamo aranciata frizzante, o se aggiungiamo acqua gassata, però non mi è mai capitato di berlo. La mia versione preferita invece è la seguente.

4/10 di vodka tenuta in freezer
6/10 di succo d’arancia rossa

Arancia rossa

Tutto qui, nulla di più. Come al solito non metto il ghiaccio, ma preferisco usare vodka fredda fredda.
Un consiglio? Ordinatela quest’estate, potrebbe salvarvi la serata.

Facilità: lo saprebbe fare anche un babbuino
Grado alcolico: alto, ma ce ne vogliono un paio per piegarvi
Costo: ridotto

8 comments

Vai al modulo dei commenti

    • claudio vergnani on marzo 24, 2012 at 9:22 am
    • Rispondi

    Era il cocktail di Philip Marlowe, vecchio mio.

    1. Il buon Marlowe sapeva cosa bere 😀

    • teo on marzo 24, 2012 at 10:11 am
    • Rispondi

    io l’ho sempre bevuto nella tua seconda versione, la preferisco per l’arancia rossa che adoro e la vodka ghiacciata.
    il mio cocktail preferito comunque è il Mojito, con la ricetta originale di Cuba non quelle mezze cazzate che ti fanno con i pezzi di menta che ti girano per il bicchiere rischiando di strozzarti e un iceberg di ghiaccio.
    Quando sono stato a Cuba un barista mi ha fatto un corso di Mojito con la vera ricetta cubana…è tutta un’altra cosa, niente a che vedere con quello che ti propinano qua

    1. Sarei curioso, anche perché il solo leggere Mojito mi vene la pelle d’oca…

        • teo on marzo 25, 2012 at 12:56 pm

        quando ci troveremo te lo farò assaggiare 😉

      1. C’è la menta?

        • teo on marzo 26, 2012 at 7:50 am

        c’è, ma non fatta a pezzi con le foglie che girano per il bicchiere…la menta non si deve sentire quasi per nulla…se e quando ci troveremo ti spiego meglio 😉

      2. Togli la menta e ci sto 😀

Lascia un commento

Your email address will not be published.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: