Giu 30

La Piadina del Bango

Visto che oggi sarò ospite in Romagna, il post di oggi sarà dedicato a una delle ricette più famose della regione: la piadina. Ovunque vi girate, vedrete un chioschetto o una bottega che la preparano, in tutte le salse che volete. Ed è un business facile e redditizio. Se ci pensate, ci vuole meno tempo a prepararla che a usare quelle già fatte confezionate. Almeno, questo è quello che penso io.
La ricetta insomma, è una passeggiata. In pochi minuti avrete impastato e cotto, pronti per mangiare. Cosa serve per la mia versione?

Piadina sulla piastra da crepes

110 g di farina (00 sarebbe meglio)
1 cucchiaio di olio di oliva
1 pizzico di sale
q.b. di acqua

Tutto qua, davvero. Mettete la farina in una ciotola, aggiungete l’olio, il sale e poi aggiungete piano piano l’acqua. Non esagerate con quest’ultima, e non fatevi prendere dall’entusiasmo. Aggiungetela poco alla volta, cercando di mantenere l’impasto elastico e sodo.
Una volta che avete fatto la pallina, tiratela su un tagliere di legno e fatene un disco. Nel frattempo avrete scaldato il testo romagnolo, o più probabilmente la piastra per le crepes. Buttateci sopra il vostro disco una volta ben caldo, e preparatevi a bucare le bolle d’aria. Tutto qua. In pochi attimi avete una piadina fatta e pronta da mangiare.

Più facile di così...

Più avanti vi spiegherò invece la differenza tra piadina e tortillas per fajitas.

6 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Tocchi un nervo caldo, lo sai?
    In Romagna la piadina è sacra e ognuno ha la sua opinione su come prepararla. Strutto invece dell’olio, farine di decine di tipi diversi, chi ci mette una punta di lievito e chi il latte. a volte trovi anche la birra, il vino o, in casi estremi, anche la coca cola.
    Insomma, si può dire che esista una piadina per ogni gusto, più uno! 😀

    PS: la tua ricetta mi ispira. Facile, veloce e con pochi sbattimenti. Mi sa che la proverò! 🙂

    1. Avevo letto e sentito delle varianti. Alla fine ho fatto la mia e si fa prestissimo 🙂

  2. Una delle meraviglia della natura… non sai quanto mi piace, con prosciutto cotto e mozzarella

    1. E si fa in un batter d’occhio!

    • Mara on giugno 30, 2012 at 8:14 pm
    • Rispondi

    Ma ti sei sbagliato a scrivere o ci vogliono proprio 110 hg di farina????
    Non 100g??!!!!!! Con 100 etti fai piadine per un esercito!!!
    Non hai scritto però cosa ci metti tu dopo averla cotta!!! Qualcosa mi dice che non sarà prosciutto e formaggio ;-P!!!!

    1. C’è scritto 110 g in effetti (potere del blogger).
      Io ci metto il crudo, solo il crudo 🙂

Lascia un commento

Your email address will not be published.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: