¡Viva Chile!

Premetto che non ho voglia di sentire banalità sull’11 settembre, su “americani cattivi” o cose del genere. La storia è quella che è, non la si può cambiare, e le verità non sono mai quelle che ci presentano. Per mia parte, sono anni che commemoro l’11 settembre cileno, non perché sia più importante, ma perché è il simbolo, l’esempio di quello che succede quando qualcuno cerca di realizzare un sogno. Quello che succede quando l’egoismo umano, uccide democrazia, uguaglianza e popoli.
Vidi per la prima volta questo cortometraggio di Ken Loach, e per la durata non parlai. Non dissi nulla nemmeno alla fine. Credo solo di aver serrato i denti e represso le lacrime. Quello che successe in Cile non fu giusto, e giusto è una parola forse inadatta.

Pinochet e Allende: carnefice e vittima

Quando l’uomo prova a essere libero, quando i lavoratori provano a creare qualcosa, quando le disuguaglianze sembrano bandite, qualcuno non ci sta, e fa di tutto, come in questo caso con un golpe militare, per far finire questo progetto.
Pubblico questo post pregandovi di accantonare ogni sciocchezza politica. Lo pubblico in memoria delle 30000 vittime e ai 600000 torturati dal regime di Pinochet.

Questa è democrazia?

Viva Chile! ¡Viva el pueblo! ¡Vivan los trabajadores!

2 comments

  1. Approvo, approvo e approvo! e ho detto tutto!

    1. Eppur se ne dimenticano…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: