«

»

Feb 25

Neil Gaiman: a Calendar of Tales

Il 4 Febbraio, l’autore Neil Gaiman, che mi auguro conosciate tutti, ha avviato un progetto innovativo e divertente, sponsorizzato da Blackberry. Il progetto è stato presentato con un video che potrete trovare in rete e a questo LINK. Per sicurezza, ve lo metterò comunque più sotto.
Il progetto è arrivato a oggi al secondo turno, e cioè quello del rilascio del .pdf contenete il risultato ottenuto. Cos’era in poche parole? Attraverso il suo account Twitter, Gaiman poneva una domanda riguardante a un mese dell’anno. I followers dovevano rispondere a questa domanda in breve, usando i pochi caratteri a disposizione del Social Network.

Lo studio di Gaiman

Lo studio di Gaiman

Alla fine dei 12 turno, uno per ogni mese, e dopo svariati retweet dell’autore, Gaiman ne ha scelti 12 e prendendo spunto da essi, ha scritto delle short stories, raccogliendole alla fine nel .pdf di cui vi parlavo prima e che potrete trovare sempre allo stesso indirizzo. A voi la scelta di leggerlo dal sito o scaricarvi gratuitamente il .pdf.

Neil Gaiman

Neil Gaiman

Ho assistito personalmente alla sessione di tweet, lanciandone qualcuno io stesso, e devo dire che è stata un’iniziativa originale e il risultato è molto, molto buono. Dopotutto la mano di Neil non è quella di un principiante.
Non sono mancate logicamente le polemiche, per il fatto che Gaiman ha sì rilasciato le opere gratuitamente, ma solo perché Blackberry lo ha pagato. I soliti maligni insomma, parlano a vanvera, senza tenere conto che all’utente finale, il lettore, non interessa se Neil lo abbia fatto per il puro piacere di scrivere o per denaro, ma bensì il fatto che un suo lavoro sia stato rilasciato e per giunta gratuitamente. Gaiman vi ricordo, non si è mai schierato contro la rete per la diffusione delle sue opere nei formati elettronici, anzi, ha affermato che non si cruccia più di tanto se c’è uno scambio iniziale dei suoi files in modo gratuito, ritenendola solo ottima pubblicità.



Non posso che concludere dicendo che oltre a essere un ottimo autore, Gaiman è uno che vede il futuro.

8 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Domenico "Helldoom" Attianese

    Gaiman è uno che ha messo gratuitamente uno dei suoi romanzi, quando vendeva bene, gratis per un mese, così per sperimentare se avevano ragione chi diceva che le vendite sarebbero calate.
    Indovina il risultato? 😀

    1. Marco Siena

      I know it!

  2. Gian de Steja

    La gente che si lamenta se qualcuno guadagna denaro grazie alle proprie abilità intellettive, mi irrita.
    Gaiman è un grande. Punto.

    1. Marco Siena

      Ruppero i coglioni anche quando lo pagarono 84000 sterle per una presentazione in una biblioteca. Come al solito, per far tacere le malelingue dovette rivelare dove sarebbero andati quei soldi. Beneficenza…

  3. LaRic

    Adoro Gaiman, ha scritto uno dei miei libri preferiti di tutti i tempi “American gods”. Bravo, bravo, bravo 🙂

    1. Marco Siena

      Finora di cose brutte sue non ne ho lette, a parte il Ragazzo… che è un po’ fiacco. Ma ho avuto l’impressione che l’errore non fosse suo.

  4. CervelloBacato

    Sto leggendo ora American Gods di Gaiman e devo dire che non è affatto male (anche se spesso non mi convince). Appena finisco mi leggo il pdf 🙂 Iniziativa molto divertente la sua comunque!

    1. Marco Siena

      Se sei appassionato di mitologia, te lo godi American Gods

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: