«

»

Feb 23

Oreo Dream Pie

Conoscete questa torta? Se ne parla molto sulla Rete, perché bene o male è arrivata in Italia con i ristoranti tematici, tipo quelli messicani, o nel mio caso, l’America Graffiti.
Qualche anno fa, se ricordate, fecero una campagna virale anche in Italia sul biscotto Oreo, storico prodotto americano nato nel lontano 1912. Nonostante questa pubblicità e la sua storia, sembra aver attecchito poco qui nel Belpaese, forse perché si deve scontrare con un suo diretto concorrente, simile non uguale: il Ringo. Quest’ultimo è talmente radicato nel nostro paese, che difficilmente si potrà scalzarlo dal podio.

Oreo!

Oreo!

Comunque, tornando alla torta, se cercate un po’ in Rete, scoprirete che non esiste la ricetta definitiva. Pazzesco eh? Ma in fondo il gusto è dato da pochi elementi, quindi credo che ogni variante sia di poco differente dalle altre.

  • Oreo
  • Panna
  • Burro
  • Cioccolato per guarnire e a scaglie
  • Un latticino spalmabile, che può essere un formaggio fresco.

 

Una versione della torta, quella che meglio la rappresenta, per me

Una versione della torta, quella che meglio la rappresenta, per me

 

Una volta che avrete questi ingredienti basilari, potete sbizzarrirvi a ricreare questa torta, e vi garantisco che il vostro umore ne gioverà parecchio. La linea un po’ meno, ma fa nulla.
Un ultimo appunto: nei giorni scorsi, su un blog in rete, ho trovato una top 10 delle migliori ricette per fare un Oreo’s Cheesecake. Nel caso vi serva il link, fate un fischio.

6 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. claudio

    il mio umore è migliorato anche solo a leggere.

    1. Marco Siena

      All’America Graffiti ne fanno una che mina seriamente alla forma fisica. Faccio fatica ad arrivarci in fondo 😀

  2. Simone

    Coma latticino spalmabile mi verrebbe da usare mascarpone inscurito con della nutella…tanto per stare leggeri!

    1. Marco Siena

      E mi trovo d’accordo con te, anche perché è l’unico che mi piace.

      1. Simone

        L’importante è non dover fare analisi del sangue nei giorni a seguire. Oltre ai risultati chiaramente sballati, può rivelarsi necessario riscaldare il sangue affinché esca, con tutti i grassi che conterrà!

      2. Marco Siena

        Io le faccio ogni 2 o 3 anni, quindi ho un po’ di spazio di manovra. Poi ho anche il problema dell’intolleranza ai latticini, per cui la parola Dream nella torta ci sta… 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: