«

»

Mar 20

Spotify!

Da sempre, come vi ho già detto in altre occasioni, quando scrivo ho bisogno di musica in sottofondo. Beh, a volte nemmeno tanto in sottofondo, ma a un volume comunque umano. Ho iniziato con l’amato stereo e le sue belle casse, con il logico inconveniente legato al cambiare cd una volta finito. Insomma, sto scrivendo, passano 45 minuti e devo alzarmi per scegliere un secondo cd da inserire. Interruzioni poco gradevoli, non trovate?

Il logo di Spotify

Il logo di Spotify

Quindi sono passato alle playlist su Media Player, e qui si trattava di procurarsi i file mp3 e compilare queste liste. Il tempo a volte mancava, si inceppava il player, si scasinava qualcosa, per cui anche questa soluzione era poco ottimale, soprattutto perché alla fine rimaneva il problema della varietà. Ogni tanto infatti, avevo voglia di ascoltare altro, e finivo per cercare le canzoni singolarmente su YouTube. Altra distrazione, altro tempo perso.

Una pagina dell'interfaccia, che si comporta esattamente come un browser

Una pagina dell’interfaccia, che si comporta esattamente come un browser

E poi, magicamente, un amico su FB mi indirizza su questo Spotify e il mondo mi appare più bello.
In definitiva, per chi ancora non lo sapesse, Spotify è un software/lettore che ti collega a un database musicale enorme, logicamente on line. Da lì potete scegliere brani, discografie, album, singoli, creare playlist, condividere la musica che ascoltate sui Social, attivare addirittura una radio. Sì, una radio creata in base ai tuoi gusti. Io la devo in verità ancora provare, e mi sto limitando alle funzioni base della versione free.
Questa versione, si basa sul fatto che ogni tanto vi apparirà qualche spot o qualche consiglio e suggerimento dallo staff di Spotify e ve lo dovete ascoltate. In alternativa, potete abbonarvi alla versione Premium, senza pubblicità e che potrete installare sui vari dispositivi che possedete, interfacciandoli l’uno con l’altro e avere il vostro database personalizzato ovunque andiate.
Che poi, la versione Premium consiste in un abbonamento mensile di appena 9,90€ e che potete disdire quando volete.
Qualcuno potrebbe non capire l’utilità di Spotify, insinuando che in fin dei conti può comunque procurarsi la musica lo stesso. E se da un lato abbiamo questi inguaribili furbacchioni del tutto gratis, dall’altra avremo i polemici del “Io compro solo cd originali, sennò a musica muore”. Ebbene, Spotify li mette teoricamente a cuccia tutti e due. Infatti, il prodotto non è una diavoleria piratesca, bensì un software ufficiale e che va a supporto comunque dei musicisti. Nulla è rubato, tutto è condiviso. Se poi vogliamo rimanere sulla posizione del “libricino interno e il toccare con mano”, beh, io esco verso il futuro e la porta ve la lasci socchiusa, nel caso vi va di venire con me.

14 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. davide

    non lo conoscevo,a casa lo scarico.
    Bè anche il vecchio i tunes non era male ,mettevi i tuoi cd e avevo tipo 200 canzoni in sottofondo quando scrivevo sul computer
    ciao

    1. Marco Siena

      Il vantaggio di Spotify è proprio quello di non dover mettere nulla e semplicemente assecondare l’idea del momento e cercarla. Un bel vantaggio. Sempre musica nuova e pronta all’ascolto.

  2. Narratore

    Bella cosa, grazie per la segnalazione!
    Non lo conoscevo, o meglio, lo conoscevo ma non avevo capito come funzionava, quindi il tuo post capita proprio a fagiolo. 😉

    1. Marco Siena

      E poi non ho ancora imparato tutte le funzioni che ha. A parte la radio che non credo che userò mai.

  3. Glauco

    E’ arrivato in Italia da poco, nel mondo esiste già da un’annetto abbondante. E’ davvero un buon servizio… peccato che non funzioni offline 🙁

    1. Marco Siena

      Sì, offline non fa nulla di più di WMP, usando le playlist con le cartelle in locale.

  4. Alessandro Girola

    Bella segnalazione!
    E’ da un po’ che ne sento parlare ma non mi ero mai informato. Tu mi sei venuto in soccorso 😉

    1. Marco Siena

      Spotify ha salvato i miei ultimi pomeriggi di scrittura. Ora non perdo tempo e concentrazione per cercare le canzoni.

  5. Claudio vergnani

    aspetta, aspetta, è un programma che posso scaricare ed è tipo un database musicale?

    1. Marco Siena

      Un “mega” database musicale. Ci trovi quasi tutto, on line, legale e gratuito. Ovvio, nella versione free c’è la pubblicità ogni 3 canzoni circa, e dicono che nella premium la qualità audio sia più alta, però io mi accontento.

      1. claudio

        be’, scarico, allora. grazie.

      2. Marco Siena

        De nada!

  6. Kate

    Quasi quasi…

    1. Marco Siena

      It’s free

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: