Mag 06

Cronos (recensione)

Primo cortometraggio di Guillermo del Toro, che vede tra l’altro per la prima volta insieme due suoi attori ricorrenti: Ron Perlman e Federico Luppi. Trovarlo è stato meno facile del previsto, tra l’altro recitato mezzo in inglese e mezzo in spagnolo, con sottotitoli. Già in questa pellicola che ha vent’anni tondi tondi, la classe del regista messicano si vedeva.

tumblr_mlwecwrjBE1r1xr8bo1_500

Trama

Un anziano antiquario, rinviene per caso in una statua raffigurante un arcangelo, uno strano congegno a carica, che una volta azionato, rivela diversi aculei che penetrano nella sua carne. A poco a poco si rende conto che a ogni contatto con questi pungiglioni, il suo corpo ringiovanisce, ma aumenta anche la sua sete di sangue. Ma qualcun altro è alla ricerca dello strano artefatto e non esiterà a farsi vivo…

cronos_16

Considerazioni

Un buon film, non perfetto forse, ma considerando il budget possiamo consideralo un piccolo gioiellino. Ci sono alcune parti che lasciano spazio a qualche critica, forse dovute a un taglio e montaggio finale, ma questo non inficia il giudizio sul film.
Ovviamente a farla da padrone, oltre alla regia di Del Toro, anche i due attori antagonisti del film, Luppi e Perlman, perfetti nei ruoli e ottimi interpreti, che danno vita rispettivamente all’antiquario e ad Angel de la Guardia, nipote del magnate che ricerca il congegno per allungarsi la vita.

tumblr_mlbwn1YAlS1s9rgiho1_500

Si potrebbe liquidare la storia come un film sui vampiri, quando in realtà si va oltre alla definizione. Un mix tra alchimia, mitologia e anche folklore se vogliamo, scritto direttamente dal regista. Interessante anche la citazione a uno dei più misteriosi autori di trattati alchemici del secolo scorso, qui in veste di costruttore del congegno e primo immortale a beneficiare dei suoi effetti.
Non potevo aspettarmi di più da questo film, che consiglio di recuperare e guardare, contestualizzandolo ovviamente.

9 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Claudio vergnani on maggio 6, 2013 at 8:52 am
    • Rispondi

    ha vent’anni … non ne avevo mai sentito parlare …

    1. Ho dei dubbi che esista persino una versione per il nostro paese.

        • Claudio vergnani on maggio 6, 2013 at 1:36 pm

        (Voce di Batman): “Andrò a cercarlo”.

      1. Ma la voce di Batman quella roca e con la zeppola?

        • claudio on maggio 6, 2013 at 11:50 pm

        esatto. E nessuno lo riconosce. Come Zorro, che nemmeno nascondeva i baffetti.

      2. E quando lo riconoscono, lui continua a parlare con la stessa voce 😀

        • claudio on maggio 7, 2013 at 10:08 am

        Perchè -come direbbero dalle nostre parti – lui è poi quello lì …

  1. un buon debutto. Ora aspettiamo il film con i robot giganti,anche se a mio avviso il dittico la spina del diavolo e il labirinto del fauno sono i punti più alti del regista. Vabbè,a essere sinceri mi piacciono tutti i suoi film

    ciao,buona giornata

    1. Mi devo rivedere Mimic perché non me lo ricordo, e per il resto credo che abbia fatto solo buoni film. Ha un occhio meno clinico per le produzioni…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: