Mag 23

Rembrandt Harmenszoon van Rijn

Oggi evado un po’ dai contemporanei per selezionare la galleria di uno dei pittori “classici” che amo da diversi anni, di cui ho avuto anche il piacere di poter visitare una mostra di acqueforti a Carpi, ovviamente deserta. Chi mai va a vedere una mostra di acqueforti di Rembrandt? Beh, io l’ho fatto e ne è valsa la pena.

Autoritratto

Autoritratto

Penso che nonostante tutto, Rembrandt Harmenszoon van Rijn non abbia bisogno di presentazioni, e non mi sento sufficientemente preparato per scrivere un articolo con un’analisi della sua opera o della sua vita. Lascio che siano le immagine che ho scelto a parlare per me.

15895-supper-at-emmaus-rembrandt-harmenszoon-van-rijn 06010020 06010210 06010540 06010550 rembrandt_philosopher_in_meditation staalmeesters

 

10 comments

Vai al modulo dei commenti

    • Andrea on maggio 23, 2013 at 8:31 am
    • Rispondi

    Io non sono un grande appassionato di “quadri” più che altro so di non aver competenza alcuna per poterli giudicare e dare loro il giusto valore ma quando ho visitato Amsterdam non mi sono di certo fatto mancare una visita al museo a lui dedicato così come alla sua casa.
    Ne sono uscito letteralmente impressionato!
    Un dipinto su tutti mi ha colpito, è anche il suo più famoso e non ho capito come mai non lo hai messo tra le immagini, sto parlando de “La ronda di notte”.

    1. Non lo messo perché in realtà non mi è mai piaciuto. Troppo affollato.

  1. “Il filosofo in meditazione” è un opera superba, me ne innamorai anni fa. Stavo disegnando un fumetto sul Golem di Praga e avevo intenzione di usarla come ispirazione per la fucina di Rabbi Loew.
    Mamma che atmosfera…

    1. Ho visto anche la versione in acquaforte. Spettacolo davvero…

      • Andrea on maggio 23, 2013 at 3:25 pm
      • Rispondi

      Lo?!?!?!?! Cosa devo quindi aspettarmi dal tuo nuovo libro? 🙁

  2. Mi piace molto il suo uso del colore, delle luci e delle ombre, come riesce a comporre una scena e a tratteggiare le espressioni dei suoi soggetti. Non è uno di quelli a cui penso più spesso, ma quando me lo trovo davanti resto sempre affascinato. 🙂

    1. Io invece ne sono stato così colpito fin dalla prima volta che vidi le sue opere, che quando mi chiedono chi sia il mio pittore favorito, rispondo Rembrandt

      • Andrea on maggio 23, 2013 at 3:30 pm
      • Rispondi

      Qui non posso che concordare! 😉

    • Andrea on maggio 23, 2013 at 3:25 pm
    • Rispondi

    Lo?!?!?!?! Cosa devo quindi aspettarmi dal tuo nuovo libro? 🙁

    • Andrea on maggio 23, 2013 at 3:28 pm
    • Rispondi

    Scherzi a parte, visto dal vivo è una cosa impressionante, è grande come una parete da museo! I giochi di luci e ombre sono bellissimi. Il dipinto poi ha una lunga storia alle spalle. Forse mi piace proprio per questo…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: