Lug 01

Il Compare di Bevute di Luglio: Charles Bukowski

Designare Charles Bukowski come Compare di Bevute, beh, capite cosa intendo… In verità un compare di bevute come lui, sarebbe stato troppo e non avrei retto nemmeno nel mio periodo migliore. Eppure, magari due chiacchiere davanti a qualche bicchiere, le avrei fatte. Perché? Ce bisogno di chiederlo?
Ebbene, casca appunto a fagiolo la sua elezione a Compare per il mese di Luglio con la recensione e anche opinione personale, su uno dei suoi libri migliori: Factotum.

bukowski1

Trama

Henry Chinaski, quasi un alter ego di Bukowski, è un aspirante scrittore in attesa del colpo grosso. Nel frattempo passa da un lavoro all’altro, da una bottiglia all’altra, da una casa all’altra e perfino da una donna all’altra. Trovata una donna con cui sembra avere un rapporto stabile, riesce comunque a ribellarsi alla routine, ritornando per la strada in cerca di lavoro, alcool, e un letto, aggrappandosi sempre all’illusione che prima o poi qualcuno lo scoprirà e gli farà far fortuna.

Factotum

Considerazioni

Cinico, sfrontato, pigro, vizioso, sono alcuni degli aggettivi che potrei dare a Chinaski, protagonista che ci racconta le sue giornate, fatte di alcool, lavori persi in un soffio e assegni accettati senza protestare, e donne a pagamento e occasionali. Non è una persona che vorremmo in famiglia o tra gli amici, forse, ma sicuramente uno che in parte sa come metterlo in quel posto al sistema. Se ne frega di costruire la vita su lavoro-casa-famiglia. Il lavoro serve a pagarsi un tetto per la notte, una bottiglia e una donna. Non cerca la carriera, l’arrivismo: non si preoccupa.
Viene da chiedersi se almeno in parte, quello di non essere ossessionato dal lavoro e dalla carriera, possa essere uno spunto per rivalutare i nostri standard.

“Come cazzo è possibile che a un uomo piaccia essere svegliato alle 6.30 da una sveglia, scivolare fuori dal letto, vestirsi, mangiare a forza, cagare, pisciare, lavarsi i denti e pettinarsi, poi combattere contro il traffico per finire in un posto dove essenzialmente fai un sacco di soldi per qualcun altro e ti viene chiesto di essere grato per l’opportunità di farlo?”

Lascia un commento

Your email address will not be published.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: