«

»

Lug 27

Perché la grigliata d’estate è un’abitudine sbagliata

Ieri sera. Cortile di casa mia. Griglia. Davanti alla fiamma che bruciava la carbonella, davanti alle braci da ravvivare con vigorosi colpi di ventaglio, mi sono chiesto:
“Ma perché cazzo la gente dice che non vede l’ora che venga l’estate per le grigliate?”

grigliata-02

Pensateci bene, questa frase l’avete detta almeno una volta o l’avete sentita dire da tanta gente, eppure c’è questo controsenso incredibile nell’associare la grigliata all’estate.
Senza andare a scomodare la Top Five QUI, potrei aggiungere che stare davanti a un fuoco con 30° (di sera) o 42° (di giorno) mi sembra stramba come cosa. Eppure lo fanno tutti, aspettando giugno/luglio per iniziare a comprare carbonella, liquidi incendiari, litri di birra e carne da arrostire.
In verità, la stagione migliore per fare una bella grigliata sarebbe l’autunno o la primavera, nel caso vogliate pure mangiare all’aperto, evitando magari di beccarvi il temporale improvviso con disastrosi risultati.
Ma ancora meglio una bella cena o pranzo invernale con carne ai ferri. Chi starà al fuoco sarà ben felice di buttar su carne a non finire e farvela arrivare in tavola. Ne consumerete sicuramente anche di più, e l’alcool vi salirà meno alla testa.

grigliata-thumb

Quindi, se vogliamo riassumere i motivi per cui la grigliata d’estate è sconsigliabile, lo possiamo fare in questo elenco:

  • Caldo atroce davanti al fuoco
  • Zanzare e insetti molesti che rendono poco piacevole le operazioni
  • Piatti che non vengono mai vuotati per l’inappetenza
  • Pericolo di improvvisi temporali (grandinate nei casi estremi) con conseguente pranzo/cena rovinati
  • Caldo atroce ovunque
  • Gente sudata e a petto nudo che vi prende contro a tavola o in giardino (peggio che a un concerto, forse)
  • Alcool che sale prima alla testa e che viene consumato senza ritegno
  • Vicini che si incazzano per il vostro chiasso che disturba il loro (chiasso)

images

Direi di avere detto tutto. Vi ricordo che è un mio punto di vista, non una gara tra la squadra Estate contro la squadra Inverno alla coppa Stagioni.

2 comments

  1. Paolo Ungheri

    Ti dirò: non adoro particolarmente l’estate (come ben sai) ma una grigliata, magari in un bosco (attrezzato, ovviamente) dove si può mangiare senza rumori e nella pace della natura, non mi dispiace per niente.
    poi è vero, stare alla griglia, e da cuoco mi tocca il 99% delle volte, non è proprio piacevolissimo, ma meglio quello che farlo al lavoro! 😉

    1. Marco Siena

      Beh, pure in primavera puoi farla nel bosco, non devi aspettare i 40° di oggi 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: