Benvenuto Autunno

E da oggi inizia ufficialmente l’autunno. Anche se comunemente consideriamo il 21 settembre il primo giorno di questa stagione, l’equinozio di autunno sarà questa sera alle ore 20:44 (fonte Wikipedia).
Molti iniziano già a struggersi per l’estate appena passata, parlando di cappotti e maglioni, di giornate passate in casa, e di strane malinconie e tristezze varie. In tutta onestà, e chi mi conosce lo sa, mi sento molto più ottimista e di buon umore, sapendo che posso uscire a qualsiasi ora della giornata senza sentirmi come una patata al forno.

cottage

E poi, diciamocelo, l’autunno è meno monotono dell’estate, con i suoi colori dalle diverse tonalità. Mi trovo quindi perfettamente d’accordo con Keats, che gli ha dedicato un’ode. E cosa dire dell’autunno di Vivaldi? Forse la più bella delle 4 Stagioni.
Quindi oggi, poesia di Keats e musica di Vivaldi. Meglio di così…

All’Autunno
di John Keats

Stagione di nebbie e morbida abbondanza,
Tu, intima amica del sole al suo culmine,
Che con lui cospiri per far grevi e benedette d’uva
Le viti appese alle gronde di paglia dei tetti,
Tu che fai piegare sotto le mele gli alberi muscosi del casolare,
E colmi di maturità fino al torsolo ogni frutto;
Tu che gonfi la zucca e arrotondi con un dolce seme
I gusci di nocciola e ancora fai sbocciare
Fiori tardivi per le api, illudendole
Che i giorni del caldo non finiranno mai
Perché l’estate ha colmato le loro celle viscose:

Chi non ti ha mai vista, immersa nella tua ricchezza?
Può trovarti, a volte, chi ti cerca,
Seduta senza pensieri sull’aia
Coi capelli sollevati dal vaglio del vento,
O sprofondata nel sonno in un solco solo in parte mietuto,
Intontita dalle esalazioni dei papaveri, mentre il tuo falcetto
Risparmia il fascio vicino coi suoi fiori intrecciati.
A volte, come una spigolatrice, tieni ferma
La testa sotto un pesante fardello attraversando un torrente,
O, vicina a un torchio da sidro, con uno sguardo paziente,
Sorvegli per ore lo stillicidio delle ultime gocce.

E i canti di primavera? Dove sono?
Non pensarci, tu, che una tua musica ce l’hai –
Nubi striate fioriscono il giorno che dolcemente muore,
E toccano con rosea tinta le pianure di stoppia:
Allora i moscerini in coro lamentoso, in alto sollevati
Dal vento lieve, o giù lasciati cadere,
Piangono tra i salici del fiume,
E agnelli già adulti belano forte dal baluardo dei colli,
Le cavallette cantano, e con dolci acuti
Il pettirosso zufola dal chiuso del suo giardino:
Si raccolgono le rondini, trillando nei cieli.

Enhanced by Zemanta

Lascia un commento

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: