«

»

Gen 15

Small Town Murder Songs (recensione)

Film canadese del 2011, Small Town Murder Songs è per me un piccolo gioiellino noir, che sembra non aver interessato in nostri distributori, nonostante abbia vinto diversi premi nei festival del Nord America. Un noir, come dicevo, che batte per pathos tante produzioni blasonate, in cui l’omicidio al centro del film, finisce per essere solo una piccola parte delle vicende.

Locandina

Locandina

Trama

In una comunità Mennonita in Ontario, viene ritrovato una cadavere di una donna, dopo una segnalazione anonima alla polizia. Walter, un agente a cui viene affidato il caso, riconosce nella voce registrata della telefonata, la sua ex amante Rita. Convinto che l’omicida sia il suo attuale compagno, anche senza aver nessuna prova, inizia a battere quella pista. Walter dovrà affrontare così la promessa fatta alla comunità religiosa di non abusare più della violenza, e la rabbia verso l’uomo con cui sta ora Rita.

Il ritrovamento del cadavere

Il ritrovamento del cadavere

Considerazioni

Sono rimasto stupito dal fatto che Stormare abbia mantenuto il suo ruolo positivo, visto che di solito interpreta solo personaggi negativi nei film. E Stormare ci dimostra di essere un ottimo attore, interpretando il combattuto Walter, che cerca di trattenere il suo spirito violento, e per cui la comunità lo aveva escluso in passato.
Al centro del film, quindi, non è l’omicidio della ragazza, bensì la lotta interiore di Walter e la sua rabbia nei confronti dell’uomo di Rita.

Il nuovo compagno di Rita

Il nuovo compagno di Rita

Introspettivo, cupo, a tratti statico, il film non è forse consigliato a tutti, specialmente a chi è abituato ai thriller tutto azione, inseguimenti in auto, indizi sparsi ovunque e killer giocherelloni che fanno telefonate lasciando tracce. La comunità mennonita, ma non solo, anche il paese in cui vive Walter, sembrano volerlo lasciare fuori, e a escludere il pubblico stesso. L’effetto che trasmette il film è questo: una comunità chiusa che non vuole lasciare trapelare i suoi segreti. E questo effetto è ben riuscito.

 

Enhanced by Zemanta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: