«

»

Feb 09

Esordienti che non leggono (altri esordienti)

Questo post non vuole essere un attacco a nessuno né una critica. Ognuno spende i propri soldi dove vuole, ci mancherebbe. Diciamo che si tratta solo di una considerazione che ho fatto frequentando i Social, e avendo tra i contatti diversi autori e autrici.
Ripeto, prima che si inneschi un flame infinito, che non ce l’ho con nessuno in particolare.

fascette

Autori e autrici, perlopiù esordienti legati a case editrici minori, sono anche lettori, da quel che vedo, e già questo è un merito. Vedo che condividono i loro acquisti, che parlano e consigliano i libri che hanno letto e li recensiscono pure, a volte.

Questo è molto, molto positivo. Non fosse che il 90% di quelli che vedo sono libri da tavolone, di autori affermati, di successi commerciali con la fascetta. Mai una volta che li veda condividere orgogliosi il libro di un loro collega.
Premetto che mi chiamo fuori dai giochi, visto che quel 90% di cui parlo compra sempre e solo cartaceo. Io ne sono escluso a priori. Quello che voglio sottolineare è che spesso si lamentano perché in Italia non si legge, perché il loro libro in fondo non ha venduto le millemillanta copie che permetterebbe loro di vivere da scrittori e tutto ciò che ne deriva.

Vorrei chiedere a Ceresa i diritti per questa copertina, per il prossimo libro: Il Mistero del Frate Misterioso.

Vorrei chiedere a Ceresa i diritti per questa copertina, per il prossimo libro: Il Mistero del Frate Misterioso.

Ebbene, ragazzi, parliamoci chiaro: se voi per primi continuate solo a rifocillare la filiera del libro commerciale, di quei paranormal romance o thriller con enigmi che trovate all’autogrill, come potete pretendere che altri comprino i vostri?
Qualcuno mi ha fatto notare, giustamente direi, che i soldi sono pochi e tanto vale andare sul sicuro. Quindi, meglio leggere meno ma leggere qualcosa di sempliciotto già rodato?
Ora vi farò un esempio, che per fortuna, almeno credo, non riguarda un libretto di un autore pompato dai media, ma di uno che la carriera se l’è fatta e i motivi ci saranno.

Controllate chi c’è in vetta alla classifica horror su Amazon. Fatto?
Bene, Doctor Sleep di King svetta nella classifica generale LIBRI, è al 1° post nella classifica HORROR e 11° nella classifica GIALLI e THRILLER. Non male, eh? Per la modica cifra di 16,92 euro (il prezzo originale sarebbe 19,90€). Ma se date un’occhiata alla classifica HORROR, noterete che per 11,14 euro lo porterete a casa in versione Kindle. Ed è al 5° posto!

Ebbene, signori miei, quando vi lamenterete che non state vendendo abbastanza, o qualcuno vi ha detto che il vostro libro è caro, ricordatevi di questo post.
Io me ne ricorderò quando diranno che i miei ebook a 2,99€ sono troppo costosi…

2 comments

  1. Nicola

    Parole sante… Anzi santissime… Non ci si può lamentare che le cose non vanno e poi continuare a compare come un branco di pecore.
    Le case editrici sono convinte di conoscere i gusti del pubblico, se non gli dimostriamo con i fatti (ossia NON acquistando) i loro errori, continueranno con le loro uscite “ad minchiam”.

    1. Marco Siena

      Esatto! In fondo loro sono aziende, e finché nessuno fa cambiar loro direzione, prenderanno sempre quella che rende in quel momento. Quindi, dovrebbero essere gli autori emergenti in primis a far valere la propria causa. Invece…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: