«

»

Mar 28

Before the Flood dei Bella Morte (2011)

Succede così, si scopre che sta una delle tue band preferite (post precedenti QUI e QUI) è in studio per registrare il nuovo album, e cerchi notizie in rete. Così scopro che ho saltato un album e non me ne capacito. Mi chiedevo infatti come fosse possibile aver inciso l’ultimo nel 2008 e poi il nulla fino a oggi. In realtà le cose stanno diversamente.

Copertina

Copertina

Questo Before the Flood esce nel 2011 e segue Beautiful Death, che era del 2008, per l’appunto. Dopo di questo album, è uscita una raccolta di B-Side e rarità chiamata Rare and Unreleased volume 1 (2012) e un greatest hits, The Best of Bella Morte (2013).

Ora, sto recuperando e ascoltando questo Before the Flood, un album che non colpisce al primo ascolto, ma lo fa al secondo, soprattutto se si sanno apprezzare certe influenze che lo caratterizzano e lo rendono decisamente diverso dal precedente Beautiful Death.
Nelle tracce emerge soprattutto la radice anni ’80 con cui è cresciuta la band, con pezzi che sembrano provenire dall’underground dark di quegli anni, e dalla musica elettronica meno commerciale sempre del periodo.

Una delle formazioni della band

Una delle formazioni della band

In tutto questo, va aggiunto ovviamente lo stile dei Bella Morte, meno industrial in questo caso, e più smaccatamente gothic e dark.
Quali tracce sono da segnalare? Dopo giorni di ascolto, in auto e a casa, il premio della canzone top l’assegno a Falling Star, un pezzo dalle sonorità 80’s, proprio come dicevo poco sopra, e un testo da favola.
Il mio giudizio invece su Lights in the Sky potrebbe invece stupirvi, in quanto sembra una canzone da pista, ma alt, la pista adatta sarebbe stata quella del vecchio Condor di Modena.
Abbiamo anche un lento, suonato quasi esclusivamente al pianoforte, Here With Me, che ci riporta sui testi di Deane tipici dei Bella Morte, dai toni funerei e dedicati appunto alla morte.
Da colonna sonora invece, la title track, Before the Flood, perfetta per un film dark in stile il Corvo. Davvero, io la trovo perfetta per il film, e se fosse stata scritta a quei tempi, probabilmente ci sarebbe finita.

Andy Deane al reading del suo romanzo, di cui vi parlerò prossimamente

Andy Deane al reading del suo romanzo, di cui vi parlerò prossimamente

Per concludere, 11 tracce che non mi hanno deluso, anzi, e mi sto chiedendo se la band saprà ripetersi ancora rinnovandosi allo stesso tempo. E ora, buon ascolto…

Tracklist:

  1. Skin
  2. Falling Star
  3. Lights in the Sky
  4. Here With Me
  5. Before the Flood
  6. The Morning Sun
  7. Line of Sight
  8. The Road
  9. Bones Below
  10. Undertow
  11. Oceans Wide

Enhanced by Zemanta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: