Génépy (liquore)

Scoperto durante le ricerche per DD2: Combustione, questo liquore viene ricavato dal fiore di alcune piante che crescono in Valle D’Aosta e Piemonte, e che sono della famiglia dell’Artemisia.

genepy-pianta

Il liquore, la cui gradazione può variare tra i 30° e i 40°, è di colore non sempre uguale: si va dal verdino al giallo ambrato, passando attraverso diverse tonalità. Anche gli aromi e profumi non sono sempre gli stessi, essendo comunque un distillato artigianale e che prevede diverse ricette. Un po’ come tutti i liquori tradizionali, insomma.

genebicch

Si parte col fare essiccare per 15 giorni le piante dentro a sacchi di juta. Passato questo periodo, le piante secche si mettono dentro un contenitore con una soluzione alcoolica e si lascia in infusione per 30 giorni almeno.
Fatto questo, si torchiano l’infuso e si aggiunge acqua e zucchero. Si procede a un altro ciclo di riposo a cui seguiranno diversi processi di filtrazione per renderlo pulito. Ovviamente, per chi è pratico, si può usare anche il metodo della distillazione, oltre a quello dell’infusione.

genepyliq

Insomma, non è particolarmente difficile produrlo, ammesso che si conoscano le piante giuste e le si abbia a disposizione.
Sarei curioso di sentirlo e credo che prima o poi me ne procurerò una bottiglia.

Enhanced by Zemanta

Lascia un commento

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: