Tizio, il Barista e La Grande Bellezza

Ci sono momenti che vorresti non arrivassero mai. Questo è uno di quelli, quando speri che la discussione che è sulla bocca di tutti sia ormai esaurita. Così, mi affido alla fortuna ed entro al bar, sperando che si sia già sfogato. Mai avrei pensato che sarebbe stato peggio delle scorse volte…

servillo

Lo vedo, eccolo là. Ha il giornale sportivo in mano, guarda le figure, legge i titoli, lancia qualche battuta al barista.
Mi siedo e, come al solito, mi nota. E inizia il delirio.
«Allora?», mi fa.
«Allora, che?»
«Buongiorno, eh?»
«Non hai mica detto buongiorno, tu.» Intanto ordino il caffè.
Ridacchia e chiude il giornale. Purtroppo. «Hai visto la notte degli Oscar?»
Tremo. «Sì, il giorno dopo però.»
«Mah, sarà ma a me il film che ha vinto l’Oscar non ha fatto tutta questa impressione.»
Temevo peggio, credo di essermela cavata, in fondo. «Dai, meritava anche quello di Scorsese o Dallas Buyer Club, ma 12 Anni Schiavo era tra i miei favoriti.»
Mi guarda confuso. «12 cosa?»
«12 Anni Schiavo, il film che ha vinto l’Oscar come miglior film…»
«No, io parlo della Grande Bellezza, quello di Sorrentino. Hai capito?»
«Per piacere, non oggi, davvero…»
«Dai, che film è?»
«In che senso?»
«Non si capisce niente, parlano», dice, agitando le mani.
«Guarda, a me non è piaciuto, ma perché non fa per me come tipologia di film. Se ha vinto un Oscar, il motivo ci sarà.»
«Ma va là, che motivo vuoi che ci sia. È un film palloso e basta.»
Ed ecco che si inserisce nella discussione un elemento non previsto.
«Ma state parlando del film di Sorrentino?», chiede il barista.
«Sì, de La Grande Bellezza. Purtroppo», rispondo io.
«Perché purtroppo?», chiede lui.
«Perché avrei evitato volentieri altre discussioni a riguardo», rispondo.
«Insomma, dai, è un film di merda», dice tizio.
«Tu di film non capisci un cazzo», ribatte il barista.
«Perché tu sì?», rincalza tizio.
«Per una volta che vince un italiano, tutti a far casino…»
«Beh, se dobbiamo vincere con un film del genere, meglio perdere!»
«Scusate!», li fermo io. «Posso dire che mi avete rotto i coglioni tutti e due?»
Mi alzo e me ne vado.

4 comments

Skip to comment form

    • Cristina on marzo 11, 2014 at 2:40 pm
    • Reply

    Voto a tuo favore!!!

    1. Eh, sì, perché come diceva quel tale: “È ora di finiamola!”

    • Oreste on marzo 11, 2014 at 10:32 pm
    • Reply

    Sei riuscito almeno a bere il caffè?

    1. Sì, tanto anche se avessi cambiato bar la situazione sarebbe stata la stessa.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: