Twinkies

Sarà, ma la prima volta che ne ho sentito parlare è stato in un film, Zombieland, pellicola amata da molti e odiata da altrettanti. A me, personalmente, è piaciuta.
E se non lo avete visto, vi riassumo solo quello che interessa questo post. C’è un tizio, Tallahassee, interpretato da Woody Harrelson, che in mezzo all’Apocalisse Zombie ha una fissa: trovare i Twinkies. E ne trova pure un camion pieno, a un certo punto. Ma il discorso è un altro.

La confezione storica

La confezione storica

Dopo qualche anno dalla visione, inizio a notare che in giro si parla di questa merendina, che dà l’impressione di essere un plumcake ripieno di crema alla vaniglia, una cosa leggerina, insomma. E scopro anche perché: nonostante sia un caposaldo dell’alimentazione (sana) americana, la ditta che l’ha prodotta per circa 80 anni sta chiudendo i battenti, un po’ per fallimento e un po’ per le politiche salutiste.

tallahassee

Tallahassee si gusta un Twinkies

Ed è nata pure una petizione per salvarla, perché agli americani non sta bene che una merendina, tramandata di generazione in generazione, sparisca dagli scaffali e dalle loro tavole. Alla fine della scorsa estate, sembra che siano ritornati in commercio, alleggeriti e con meno calorie.
Vi chiederete: non possono farseli loro? Beh, a guardare i passaggi, sono due belle balotas riprodurli e il risultato comunque non credo sarà lo stesso, e secondo trovare le cose già fatte è meglio. Per loro. Per tanti.

Un tavolo pieno di Twinkies e calorie

Un tavolo pieno di Twinkies e calorie

Se date un’occhiata in Rete, comunque, troverete varie ricette. Io, nonostante la curiosità, non credo che mi metterò a produrre Twinkies in casa per la colazione della domenica.

Enhanced by Zemanta

Lascia un commento

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: