«

»

Apr 17

Strane Vignette

Ci ho messo un po’ a ritrovare questa vignetta che avevo visto in giro. Se non l’avete mai vista, dategli un’occhiata. Rileggetela. Riflettete.
Fatto? Bene, ora vi dirò la mia opinione in merito, e premetto che è solo questo, un’opinione.

Con tutto il rispetto per l'autore

Con tutto il rispetto per l’autore

Questa vignetta potrebbe essere messa nella stessa cartella con quella dei ragazzini di ieri confrontati a quelli di oggi, dove per rappresentare il passato hanno disegnato tutto a colori con i bambini felici che giocano a calcio, mentre per il presente è tutto monocromatico con un bambino triste al centro, triste perché nessuno vuole giocare a palla con lui.
Su questa magari ci tornerò un giorno, perché ne avrei da dire alcune anche su di essa. Parliamo invece del messaggio che vorrebbe far passare questa sulla scuola.

Ieri se un bambino si beccava una nota, una scudisciata, una punizione, un periodo detentivo durante l’intervallo e una qualsivoglia forma di umiliazione verbale e non davanti agli altri, si vedeva raddoppiata la pena, perché poi toccava buscarle pure a casa. Nessuno osava mettere in discussione l’operato dell’insegnante.

Se questo è il modo...

Se questo è il modo…

Certo, gli insegnanti sono esseri alieni, perfetti, automi: non possono sbagliare né avere preferenze tra un alunno e l’altro, né poter provare antipatia per vostro figlio ed eccedere nel punirlo rispetto al suo compagno di banco. Giammai.

E quindi secondo questa vignetta, i genitori che oggi chiedono spiegazioni ANCHE all’insegnante, essendo noi in un secolo in cui siamo tutti più istruiti rispetto al passato, sbagliano. Non dovrebbero farlo. Mortificano il lavoro dell’insegnante, che ripeto, è un vulcaniano perfetto.

I commenti più frequenti sotto questo tipo di vignette riguardano il fatto che una volta era tutto perfetto, c’era rispetto, andava tutto bene, in ginocchio sui ceci era un metodo utile, le bacchettate sulle dita pure, ci sono cresciute generazioni così e altre sciocchezze del genere.
Perché le ritengo sciocchezze? Perché con quei metodi così perfetti, non sono cresciute molte generazioni di studenti. 1 su 10, forse, ha proseguito gli studi. Gli altri a 14 anni andavano a lavorare, finite le medie. E se torniamo indietro nel tempo, c’era pure chi non finiva le elementari.

Umiliare i bambini è un modo per educarli?

Umiliare i bambini è un modo per educarli?

Tutto sempre perfetto nel passato? Non credo. E vi racconto una storia, la storia che mi ha insegnato fin dalle elementari come funzionasse il mondo, e come sarebbe stata la mia vita da lì in poi, visto che non ero né ruffiano né mi andava di umiliarmi per ingraziarmi le persone.

Ero in quarta elementare. Una classe di circa dieci alunni in un paesino di mille anime. La vita del paesino, al tempo, era incentrata sulla parrocchia, e dal lato politico un buon 90% era democristiano. Questo cosa c’entra?, mi chiederete voi. C’entra, perché essere figlio di una famiglia non democristiana e non essere praticante poteva essere un problema con una maestra democristiana e cattolica.
Il giorno dei morti, il 2 novembre, andai con la famiglia a visitare dei parenti a Modena e a fare il giro dei cimiteri. Uno zio di mia madre ci chiese di rimanere a cena, quindi tornammo a casa tardissimo.
Non feci i compiti, e mia madre mi disse di spiegarlo alla maestra. Dovevo farlo io.
Il giorno dopo, l’insegnante partì da me a controllare il quaderno. Io le spiegai la situazione e mi beccai una serie di strilli, un periodo di punizione saltando l’intervallo (5 minuti che avevamo…) e gogna pubblica davanti agli altri compagni. Ero un cattivo esempio e a lei non interessava la giustificazione che avevo da darle.

Passò al tizio dietro di me. Scena muta da parte del bambino. Non aveva fatto i compiti nemmeno lui. Si beccò la sua dose di strilli e la stessa punizione, anche se ormai si era sfogata con me.

Altro alunno, il terzo della fila. Quello stava singhiozzando. Strillo veloce, punizione.
E così proseguì, lasciando per ultima la sua cocca, la sua preferita, la “secchiona”.
Nessuno aveva fatto i compiti, neppure lei. Ma quando si mise a piangere, la maestra andò a consolarla, ad abbracciarla e poi?

Poi chiese se eravamo tutti d’accordo a non punirla, perché lei non aveva mai sbagliato prima. E i miei compagni, lo ricordo come se fosse ieri, furono d’accordo.
Fatemi capire, noi ci becchiamo strilli e punizione, e lei no? E voi siete d’accordo perché avete paura della maestra?

Questa storia vi assicuro è vera, ed è il più brutto episodio che mi sia capitato a scuola. Il primo esempio di disuguaglianza, di ingiustizia e di come nella vita l’importante è essere nella fazione giusta.
Ora, quando mia figlia verrà a casa in lacrime con una nota, una punizione ecc… io vorrò una motivazione da lei, ma la vorrò anche dall’insegnante. E se mai saprò che la maestra ha alzato le mani o umiliato mia figlia, vorrò una giustificazione.
Per cui, se siete d’accordo con il messaggio della vignetta, o non siete andati a scuola, o eravate dalla parte dei cocchi.

8 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Screetch

    Marco, guarda, concordo con te praticamente su tutto, visto che la mia buona dose di umiliazioni a scuola le ho subite.
    Però, forse, ci sarebbe anche da contestualizzare il periodo in cui è uscita la vignetta. Che se non ricordo male non era uno dei migliori per quello che riguardava l’educazione dei figli da parte dei genitori.

    1. Marco Siena

      È uscita in Francia quattro anni fa. Non credo ci sia molta differenza con oggi.

      1. Screetch

        Non era il periodo del boom di notizie riguardanti “aggressioni” da parte dei genitori agli insegnanti?
        Bada, non sto giustificando nulla. Tento solo di ricostruire il contesto nel quale la vignetta è uscita.

        (se poi mi ricordo bene e il periodo era quello, concordo sul fatto che sia comunque una estremizzazione della situazione)

      2. Marco Siena

        Mah, non ricordo. So solo che oggi come oggi, c’è chi vorrebbe che i figli portassero ancora 15 kg di libri sulla schiena, perché a loro è toccato e quindi devono farlo pure loro.

        L’insegnante ha sempre ragione, è un concetto che trovo piuttosto discutibile. Poi, ovvio, se sei stato ragazzino anche tu dovresti ricordarti quando facevi il coglione, ma ricordarti anche quando era l’insegnante che eccedeva dall’altra parte.

  2. gherardopsicopompo

    Uhm… Mi spiace ma stavolta non sono proprio d’accordo…
    Inizio col dire che non sono un “nostalgico” né un “progressista” estremo. Non è tutto bello adesso, e prima faceva schifo, né ora fa tutto schifo e prima era una figata. Sarebbe miope un discorso del genere…
    Però.
    Non sono mai stato un “cocco della maestra”, anche perché ero quello che oggi sarebbe definito un bambino decisamente iperattivo con disturbo dell’attenzione, ma che una volta era identificato semplicemente come un “casinaro”… Quindi immaginatevi voi.
    Tuttavia, io riconosco nella “moda” di voler a tutti i costi difendere il proprio piccino dalle angherie della maestra stronza, un male assoluto e terribile. Parlo per esperienza diretta visto che da circa sette anni faccio l’insegnante. Insegnante di teatro, quindi non costretto a mettere note né voti, però presente costantemente nella Scuola pubblica e privata dalle elementari al liceo. Di ragazzi (e di professori e maestri) ne ho visti un bel po’. E mi rendo conto che le famiglie fanno di tutto per difendere i loro figli, sempre e comunque, pretendendo che vengano giustificati non per una visita al cimitero, ma per la scampagnata “de li cazzi loro”. E allora anche no.
    E famiglie che si lamentano perché troppi compiti.
    E famiglie che hanno figli che sono dei bulli ma negano l’evidenza.
    I professori e i maestri non sono certo perfetti, ma la costante opera di svilimento e contestazione che le famiglie operano nei confronti della figura dell’insegnante è vergognosa, e sta provocando danni irreparabili all’educazione dei giovani. Certo, è sacrosanto, a volte, chiedere spiegazioni in merito a comportamenti e situazioni poco chiari. Ma, porco mondo, in linea di massima l’insegnante è (o DOVREBBE ESSERE) un uomo o una donna che ha investito il proprio tempo, la propria formazione, le proprie energie nell’educazione dei giovani, e quindi dovrebbe essere ascoltato (dalle famiglie) con un po’ più di rispetto, e trattato con maggiore fiducia. Ricordo che da bambino i miei genitori non mettevano MAI in discussione le decisioni (note, compiti, rimproveri) dei miei maestri/professori, e questa cosa mi faceva rosicare. Ma ricordo anche di aver identificato maestri e professori come delle figure educative, degne di fiducia, perché i miei genitori le trattavano come tali.
    E, anche da bambino, me ne accorgevo a naso di chi erano maestri e professori ingiusti, e a quelli semplicemente non mi ci affidavo.
    Scusate la rispostona ma è un argomento che trovo interessantissimo e che mi sta molto a cuore…

    1. Marco Siena

      Io non difendo i figli a ogni costo, ma pretendo, da genitore, di andare a fondo sia alle rimostranze degli insegnanti che a quelle di mio figlio, e poi cercare di valutare. Non posso dare fiducia cieca a un essere umano, fallibile e non certo perfetto.

      Oltretutto, chi controlla l’insegnante? Nessuno.

  3. Alice

    personalmente credo che l’unica cosa veramente sbagliata nella vignetta sia il fatto che i genitori interroghino il maestro davanti al figlio.
    perché gli fanno passare il messaggio che per quante ne combinerà ci sono papino e mammina a tirargli via le castagne dal fuoco.
    per il resto concordo assolutamente con quanto hai scritto, credo però che le situazioni vadano approfondite solo nel caso in cui appunto si sospetti che il bambino venga umiliato e non semplicemente ripreso per un comportamento non adeguato alle regole scolastiche

    1. Marco Siena

      Ed è anche sbagliato umiliare ulteriormente il figlio davanti all’insegnante. Io sono per chiedere sempre e comunque una spiegazione, non dare fiducia all’insegnante perché rappresenta, in teoria, un’autorità, né al figlio solo perché è tale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: