Cigarette Burns di John Carpenter

Lo ammetto, non avevo mai visto la serie Masters of Horror, e a dire il vero me l’ero pure dimenticata. Magari dirò una cazzata, ma credo che all’epoca, sul satellitare, ne trasmisero solo alcuni e non tutti. Un po’ me ne scordai, un po’ avevo altro da fare, non li guardai.

cigarette-burns2

Poi, succede che qualcuno mi fa i complimenti per Libera Me, e mi dice che le atmosfere (soprattutto un elemento) gli hanno ricordato Cigarette Burns, l’episodio di Carpenter. E io cosa faccio? Lusingato di poter avere avuto un’idea in comune con Carpenter, lo recupero e me lo guardo.
In effetti, c’è un elemento simile, niente da dire. Grazie al Cielo, il resto è diverso. Ma il mini-film in questione è notevole, con quella sua ricerca stile Club Dumas di questo film apocalittico che un po’ mi ha fatto pensare al cinema di Buñuel e il Settimo Sigillo di Bergman, anche se non so perché. Forse per il potere del bianco e nero di questo film, capace di sconvolgere la vita di chi vi si avvicina.

cigarette-burns1

Una visione piacevole, rovinata forse dal doppiaggio non all’altezza e dalla perdita del senso che avviene a causa della traduzione del titolo, che da Cigarette Burns diventa Incubo Mortale, senza che questo abbia un vero significato.
E ora mi recupererò anche gli altri della prima stagione, e passerò poi alla seconda, ancora lusingato per aver avuto questa piccola condivisione con Carpenter. Abbiamo attinto a quel pozzo Junghiano insieme, credo.

2 comments

  1. Bellissimo episodio, di quelli che ho visto è forse il migliore, sicuramente quello che si è scavato la nicchia più salda nella mia memoria. 😀

    1. Ho appena visto anche quello di Coscarelli, scritto da Lansdale. Non male, non male…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: