«

»

Set 30

Repetita Iuvant?

Capita spesso di accorgersi che un concetto che credevamo ormai sviscerato e affrontato in ogni suo aspetto, necessiti dell’ennesima spiegazione o ripetizione. Davvero, fateci caso.

leonardo

Raccontate o spiegate qualcosa a qualcuno, quello vi ascolta, dice di avere capito e poi… e poi dovete ripeterglielo da capo, e a volte notate pure una certa diffidenza, come se doveste riconquistare di nuovo l’ascoltatore. Ti ho detto che la cosa X si fa Y, perché devo rispiegartelo da capo, quando il concetto è comprovato e assodato? Se ‘sta cosa X va fatta Y, perché devi chiedermi se non è meglio farla Z. Lo so, le tre lettere delle assi cartesiane non rendono l’idea nella sua pienezza, ma qui su due piedi (e grazie a un miracolo ho tempo di aggiornare il blog stasera…) non ne ho uno sul momento.

Ma in fondo, se ci pensate, vi capiterà mille volte di dover rispiegare un concetto a qualcuno, un concetto che non è inventato da voi, ma è come dicevo prima una cosa assodata da altre persone, da sperimentazioni, da prove sul campo.
Io, di solito, spiego le cose a mia figlia una volta capisce. E ha solo 5 anni. Credo quasi, a questo punto, che non sia il fatto di dimenticare o rielaborare l’intera faccenda, piuttosto di non aver capito la cosa al primo colpo. Mia figlia, per dire, se non capisce chiede di ripeterle, ma molti adulti non lo ammetteranno mai. Preferiscono fingere di dimenticare e ricominciare da capo.

 

 

6 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. teo

    mi è capitato molte volte, alcuni non capivano ma la maggior parte non ascoltano. i peggiori sono quelli che fanno finta di non aver capito o di non aver ascoltato per scopi personali o per non dover ribattere o per non ammettere di avere torto.

    1. Marco Siena

      Ci sono davvero i distratti però. Difficile è capire chi è distratto e chi è stronzo.

  2. claudio

    A volte è solo amore di polemica, o un meccanismo automatico di vuota discussione. Se tu dici A allora io devo sostenere B. A mio parere, tra le tante cose che l’occidente ormai ha buttato alle spalle, c’è anche l’insegnamento all’attenzione e allo spirito critico (che non è spirito di contraddizione).
    Di solito noi difficilmente ascoltiamo. Attendiamo solo il nostro turno per parlare. Sarà un luogo comune, ma assomigliamo sempre più a robottini che parlano per luoghi comuni e slogan.E ognuno cerca di imporre i propri. Io per primo, se non sto attento.

    1. Marco Siena

      Sì, a volte ho l’impressione che sia solo l’attesa per dire “Io, però…”

  3. Screetch

    Mi capita ogni singolo giorno, sul lavoro. E quello che mi fa incazzare è che ho due “libri” di leggi e normative a sostegno delle mie decisioni e dei miei metodi in campo tecnico.

    1. Marco Siena

      Ecco, ci siamo capiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: