Feb 01

Kata Kumbas

Il post di oggi è offerto gentilmente da Matteo Tirelli, di cui ritroverete spesso articoli su queste pagine. Sarà infatti uno dei primi collaboratori presi a bordo per tenere vivo Prima di Svanire. Tenete d’occhio la nuova etichetta RPG, quindi, ma non solo.

Avete mai giocato a Kata Kumbas?
Se non sapete di cosa sto parlando, ecco un paio di notizie al volo:
Si tratta di uno dei primissimi giochi di ruolo italiani con regolamento proprietario e un’ambientazione originale, una sorta di medioevo fantastico sul mondo di Rarte, nelle terre di Laitia. Gli autori sono A. Carocci e M. Senacqua.

20150131_181204

Il manualozzo che mi sto rigirando tra le mani in questo momento è la seconda edizione, datata 1988 e targata Pubblicazioni EL, ed è l’ultima a vedere una pubblicazione ufficiale in cartonato. Ne esiste una terza edizione, chiamata Kata-Kumbas Redux (un fan-made, se non sbaglio) che potete trovare utilizzando una minima percentuale del vostro Google-Fu.
Kata Kumbas era divertente, sopra le righe, pieno di bug e con un’ambientazione appena abbozzata ma con del potenziale. Quando iniziai a giocare di ruolo fu uno dei primi manuali che lessi, assieme ad Uno Sguardo Nel Buio e a I Signori del Chaos, ma alla fine lo misi da parte senza mai provarlo.

savageworlds

Ora, a distanza di quasi trentanni, Kata Kumbas rivedrà la luce.
Grazie ai ragazzi di Savage World Italia (e alla GG Studio) vedremo una nuova edizione di Kata Kumbas portata avanti dal motore di Savage World[1].

E questa è un’ottima notizia[2].
Primo, perché KK è un’ambientazione interessante che attinge al nostro folklore.
Secondo, perché SW è un regolamento solido e, da quanto mi dicono, con potenzialità inifnite.

L’unico lato negativo è che devo rimettere mano al mio budget per Lucca 2015 (che è la data di uscita prevista).

 

 

[1] Se non sapete cos’è Savage World fatevi un giro al link qui sopra, oppure cercatevi gli articoli di Davide Mana su Strategie Evolutive.

 

[2] La notizia in realtà è un po’ vecchiotta, ma io ne me sono accorto solo adesso. Amen.

 

5 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Uno dei grandi piaceri di giocare a Kata Kumbas era dato dal fatto che, quasi automaticamente, si cominciava aparlare come Brancaleone.
    Il divertimento di giocare una manica di straccioni e furbastri in situazioni improbabili era impagabile.
    E il ritorno di Kata Kumbas è una grandissima notizia.

    • Screetch on febbraio 1, 2015 at 5:53 pm
    • Rispondi

    Rileggendolo adesso vedo il mood da Armata Brancaleone. A 13 anni, purtroppo, non avevo le basi per capirlo. Spero che l’autore riesca a mantenere il senso dell’ambientazione nel riscriverlo.
    Matteo.

    • KataKumbasII on febbraio 24, 2015 at 5:13 pm
    • Rispondi

    Esiste anche un espansione amatoriale scritta da me

      • Screetch on febbraio 27, 2015 at 10:20 am
      • Rispondi

      Hey, Ciao. Grazie per essere passato.
      Dove e come è reperibile l’espansione?

    • Oreste on marzo 16, 2015 at 9:23 am
    • Rispondi

    Oddio, che ricordi!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: