The Gambler: il discorso di Jim sulla scrittura

The Gambler, che uscirà in Italia con il titolo 40.000 dollari per non morire (e uno non dovrebbe incazzarsi) è un film che ha grossi pregi ma anche grossi difetti. Se mi chiedeste se val la pena vederlo, vi direi comunque di sì. Uno dei momenti migliori, almeno dal mio punto di vista, si svolge nell’aula di letteratura di Jim, il protagonista, interpretato da Mark Wahlberg.

Mark Wahlberg is Jim Bennett in THE GAMBLER, from Paramount Pictures. GB-00106R

Jim è un insegnante di letteratura, uno che ha scritto un best seller da cui ha guadagnato appena 17000 dollari, e che ha una pessima dipendenza per il gioco d’azzardo. Ha rinunciato ormai alla carriera di autore, e si accontenta di insegnare quello che sa agli studenti, probabili autori infelici di domani. E a un certo punto, vuole essere onesto e sincero con questi ragazzi e gli fa una premessa, partendo da Shakespere e arrivando a questo dialogo, che vi riporto solo in parte, ricordandovi che è tratto dalla sceneggiatura originale ed è proprietà della Paramount Pictures.

gamb

JIM The trouble with writing, if I may bring it up here in the English Department…instead of allowing you all to talk about sexual politics all fucking day long…is that we all do a little of it from time to time, writing, and some of us start to think, delusionally, that well, maybe with a little time, a little peace, a little money in the bank, maybe if we left the old lady and the kids, maybe if we had that room of our own, we might be writers, too. Why do we think that? We accept genius in sports, in painting, as something we cannot do, but it’s no more likely that you can be a writer than you can be an Olympic fucking pole vaulter. Because what you have to be before you try to be a pole vaulter, is a pole vaulter.

STUDENT You are one.

JIM A pole vaulter?

STUDENT A novelist.

JIM No I’m not. For me to be a novelist I’d have to make a deal with myself that it was ok being a mediocrity in a profession that died commercially in the last century. People do that. I’m not one of them. If you take away nothing else from my class, from this experience, let it be this: If you’re not a genius, don’t bother. The world needs plenty of electricians and a lot of them are happy. I’ll be fucked if I’ll be a midlist novelist, getting good reviews from the people I give good reviews to…

Lascia un commento

Your email address will not be published.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: