«

»

Apr 28

Le Bambole del Latemar di Germano Hell Greco

Quando si parla di coincidenze… Avevo appena finito di leggere Brianzilvania, di cui vi ho parlato ieri, e cosa vedo? Germano, che tra l’altro è uno dei miei editor di fiducia, sforna un ebook per l’ambientazione “Italia Doppleganger”, la stessa di cui fa parte Brianzilvania.
E poiché si tratta di un altro ebook da gustare in una sera, due al massimo, e al prezzo di un caffè (meno, a dire il vero), posso tirarmi indietro?

lebambole

Sinossi

Alto Adige, oggi.

Argy ha un piano: deve rubare il Cristo Neonato.
Per salvarsi la vita. O per morire in pace.
Ha una pistola, una bottiglia d’acqua santa e una meta: il Latemar, sulle Dolomiti.
Là c’è la casa di Bachmann, lo scultore. là c’è la Processione di Bambole, una strana
composizione di rocce che, narra la leggenda, sono state create da una strega.

Considerazioni

Innanzitutto è un horror. Secondo punto, inquieta e fa paura. E ha un punto di forza, oltre a quello di essere scritto bene: capitoli brevi. Capitoli ciliegia, che come sapete, io preferisco, perché sono fatti apposta per obbligarti a sfogliare, dicendoti che sì, ne leggerai un altro e poi basta, ma ti ritrovi alla fine del libro. E dovrebbe funzionare così, di solito, ma invece ci troviamo spesso di fronte ad autori che usano capitoli immensi, che non ti va di iniziare, quando stai magari per uscire e hai giusto quei 10 minuti da impegnare.
Germano ci confeziona una storia di paura, intrisa di folklore, di leggende del profondo Nord dove vive da un anno (e che più o meno sto frequentando anch’io per lavoro da 8 mesi circa), dove è facile perdersi nei boschi e finire nelle mani sbagliate.
Posso dire con tranquillità che questo suo lavoro finirà tra i miei favoriti di Germano, a cui faccio davvero i complimenti per avermi fatto andare avanti a leggere senza avere possibilità di spegnere il lettore. Chapeau!

2 comments

  1. claudio

    Scoprendomi imperialista sostengo la necessità di provare a presidiare le classifiche horror. Ne usciremo ma ne rientreremo anche e prima o poi certi lettori dovranno prendere atto che non esistono solo King e YA.

    1. Marco Siena

      Io amo fare passeggiate, in quelle classifiche. Di più non posso permettermi 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: