«

»

Mag 25

The Enfield Haunting

The Enfield Haunting è una miniserie di 3 episodi trasmessa da Sky Living in UK, che si è conclusa in questi giorni. I protagonisti sono due ricercatori del paranormale, Maurice Gross (Timothy Spall) e Guy Lion Playfair (Matthew Macfayden), chiamati a investigare su un caso di infestazione in una casa inglese.

Locandina

Locandina

Trama

Basata su un caso vero avvenuto negli anni ‘70, la storia vede al centro delle vicende Janet, la secondogenita della famiglia Hodgson, che subisce gli attacchi di un poltergeist che risponde al nome di Joe. Maurice Gross, uno studioso di paranormale, e l’investigatore e scrittore Guy Lion Playfair iniziano a le loro indagini nella casa della famiglia.

Il Cast

Il Cast

Considerazioni

Del caso se ne parla da anni, perfino in trasmissioni dai contenuti discutibili[1], e in prima battuta ero titubante se guardare o no il serial. Poi, convinto dall’esperienza che ho sempre avuto sulle produzioni inglesi, ho provato il primo episodio. Subito a ruota, ho guardato il secondo, aspettando il terzo prima di esprimere un giudizio che mano a mano si faceva più che positivo.

Senza usare i classici trucchetti narrativi dei film americani di infestazioni, The Enfield Haunting riesce a ricostruire la vicenda e a tenere incollato lo spettatore, grazie anche alle ottime interpretazioni di tutto il cast, ragazzini compresi.
Il primo esempio che mi è venuto in mente, per fare un termine di paragone, è stato The Conjuring, ma, come dicevo prima, The Enfield Haunting ha dalla sua la classe britannica, che ancora una volta mostra di avere delle ottime carte da giocare.

Poteva risolversi tutto in effettacci speciali e spaventi meccanici, invece, grazie al Cielo, The Enfiled Haunting si preoccupa anche di ricostruire la psicologia dei protagonisti, affidando la caratterizzazione degli stessi a un ottimo script e alla capacità degli attori.
Non so se verrà mai trasmessa sulle nostre reti, e se, nel caso ciò avvenisse, verrà relegata come già accade ad altri show britannici a orari tappabuchi.

In definitiva, uno dei migliori prodotti sul tema dei poltergeist di questi anni, ma consigliato a un pubblico che apprezza le produzioni con un impianto solido piuttosto che le baracconate che ci propinano ultimamente al cinema[2].

Una delle immagini più famose delle vere sorelle Hodgson

Una delle immagini più famose delle vere sorelle Hodgson

 

 

 

 

 

 

 

[1] Evitate i documentari all’italiana, se volete qualche informazione in più, e cercate su YouTube quelli in lingua inglese. Potrete trovare registrazioni, interviste ai personaggi veri e moltissimo altro materiale.

[2] Mi ripeto, lo so, ma noi certe cose ce le scordiamo. Anche le reti private e i canali a pagamento preferiscono produrre preti e mafiosi, piuttosto che serial sul fantastico e thriller ben congeniati.

4 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. bradipo

    Gli inglesi sono una garanzia in tema di serie TV e questa miniserie ne è un ottimo esempio, ne ho parlato da me un paio di giorni fa e devo dire che i nostri punti di vista coincidono , molti spaventi ma anche tanto dramma familiare…

    1. Marco Siena

      E gli spaventi non sono mai meccanici, ma studiati e proposti con mestiere. Convieni con me?

  2. bradipo

    Assolutamente si…ah dimenticato complimenti per il blog che ho scoperto tramite le condivisioni di Lucia, vedo che siamo attratti dallo stesso tipo di roba…passa da me se ti capita…

    1. Marco Siena

      Grazie! Ma io il tuo lo leggo già, conosciuto proprio grazie alle condivisioni di Lucia 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: