«

»

Set 25

Iniezione di fiducia e buon umore

Autori indipendenti. Ne ho parlato già in passato da qualche parte, su questo blog. A quei tempi, tirai in ballo Konrath, Locke e la Hocking, fenomeni dell’editoria indipendente. Un’altra volta invece, vi parlai di Jonas Winner, tedesco, quindi un europeo più vicino a noi. Qualcuno insomma che ha scritto nella sua lingua madre che non è esattamente la più diffusa la mondo. Ha venduto però 100000 copie in madrepatria, che è tutto sommato una cifra notevole.

Okay, lui è il tuo Guru

Okay, lui è il tuo Guru

Ieri l’amico Davide ha fatto uscire sull’argomento, un post davvero interessante che vi invito a leggere QUI.
Riassume in breve ciò che deve essere il modus operandi di un autore indipendente serio, o meglio, quello che dovrebbe essere quello standard per qualsiasi autore. Lo scrivere va preso sul serio. Il pubblico pagante merita rispetto e un prodotto di qualità. Quindi, in parole povere occorrono questi passaggi:

  • Un buon testo
  • Un’accurata revisione
  • Beta-readers
  • Un editor o anche più di uno
  • Un grafico per le copertine
Mettetevelo bene nella testa...

Mettetevelo bene nella testa…

Queste cose le avete già trovate da Davide, quindi è inutile che ve le ripeta anch’io. Aggiungo però una cosa che necessità un autore indipendente che viva nel Belpaese:

  • Un traduttore

Un traduttore? Perché mai?, chiederete voi. Lasciando da parte Konrath e compagnia bella, attaccabili dai soliti depressi nichilisti, pronti a dire che sono cifre gonfiate, vi posso dire che dopo varie ricerche, ho trovato un forum di autori indipendenti dove si rivelano i numeri. Dalle vendite, ai guadagni, al periodo di crescita ai propri dubbi. Ed è gente comune, che dice di portare a casa 500/1000 dollari al mese, con 5 o 6 libri pubblicati.
Ribadisco, gente comune che ci paga qualche bolletta. In mezzo ci sono anche autori che fanno bei soldoni, tanto da potersi permettere di fare quello e basta.
Ma è anche gente che parte del ricavato lo reinveste nei punti sopra, per vendere qualità.

Scrivetevela

Scrivetevela

Ricordate quando dissi che non è necessario diventare milionari e che basterebbero quelle 25000 copie vendute all’anno per stare sereni? Ecco, questi ne sono la prova.
E se qualcuno stesse pensando “Tanto qua da noi non funzionerebbe…”, io gli rispondo di leggere il punto aggiuntivo che ho inserito, perché forse non lo hanno visto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: