La Foresta di Joe R. Lansdale

Questo nuovo libro di Lansdale me lo ricorderò anche perché è stato il regalo per il 5° anniversario di matrimonio. Per un anniversario speciale, ci voleva quindi un libro speciale, e con Lansdale non si sbaglia. E grazie al Cielo, per una volta è uscito quasi in contemporanea con l’estero, perché da qualche tempo ci avevo già messo sopra gli occhi.

Copertina italian

Copertina italian

Trama

Mentre è sul traghetto col nonno e la sorella Lula, Jack incontra dei banditi in fuga, che non esitano a uccidere suo nonno e a rapire la ragazza. Dopo il naufragio del traghetto, Jack cerca qualcuno che lo possa aiutare a rintracciare i banditi, per vendicare il nonno e salvare la sorella.
Si imbatte in Eustace, un gigantesco uomo di colore, in compagnia del suo amico, il maiale selvatico Hog e il nano Shorty. Insieme a loro si metterà all’inseguimento della banda.

Copertina U.S.

Copertina U.S.

Considerazioni

Cercherò di non ripetermi, dopo che ho recensito diversi suoi romanzi, e i punti di forza sono sempre quelli. Ed è un bene, perché lo stile di Lansdale è eccezionale così, capace di suscitare sana invidia in chi scrive. Grazie alle sue analogie, alle sue espressioni colorite, che sembrano uscite dalla bocca di gente incontrata sulla strada o in un bar, dopo che averci scambiato due chiacchiere, abbiamo sempre caratterizzazioni dei personaggi senza dover ricorrere a mille descrizioni o stratagemmi narrativi.

L'autore

L’autore

I personaggi li conosciamo attraverso ciò che dicono. Spesso, sono uomini ai limiti della società, come in questo caso, gente che vive sbarcando il lunario come può e che ha qualche scheletro nell’armadio. In questo romanzo, non ci sono protagonisti ricchi e belli, bensì gente che vive a cavallo di due mondi, quello del vecchio west e quello moderno dell’inizio ‘900, con la sua rivoluzione dei motori e il benessere che arriva dalla costa est.

Non ci sono eroi senza macchia, ma gente che galleggia nella “linea grigia” che viene nominata all’interno del libro. C’è chi è più verso il nero, e chi è un po’ più bianco, e sta a noi lettori capirlo, anche se può sembrare semplice.
Non aspettatevi un romanzo fatto di rose e fiori, di corteggiamenti ed eroi che salvano la principessa: molte scene sono crude, e non si va tanto per il sottile. Ma è così che mi piace Lansdale, schietto e onesto, con quel taglio cinematografico e le battute taglienti che ti fanno venire voglia di vedere la storia anche su grande schermo.

Enhanced by Zemanta

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: