Gen 26

Il mio primo Dossier

Post ospitante, il primo che faccio da quando ho aperto il blog. Almeno credo che si definisca così. Qui sotto troverete il link per il primo dossier che ho scritto per La Tela Nera, rivista on line che non ha bisogno di presentazioni. La conoscete tutti, vero? Beh, per chi non ancora la conosce, il mio unico suggerimento è di precipitarsi a visitare e a mettere nei preferiti La Tela Nera.

Questo dossier tratta della vita di Peter Sutcliffe, conosciuto anche come lo Squartatore dello Yorkshire. Oltre a questo, troverete una rubrica sui serial killer, sempre aggiornata.

Ringrazio Alessio per l’invito e la fiducia riposta, nell’assegnarmi questo incarico. Grazie!

Non mi resta che augurarvi buona lettura! Seguite il link cliccando sull’immagine qui sotto:

25 comments

Vai al modulo dei commenti

    • teo on gennaio 26, 2012 at 7:32 am
    • Rispondi

    ma perchè squartava i cani? ahahah pessima… 😉 non ho visto commenti e volevo contribuire 😀

    1. Ci sta 🙂 Sceglieva proprio quei piccoli cani-roditori con la frangetta e fiocco. Sai che sono tra i cani più rompicoglioni del pianeta?

        • Bangorn on gennaio 26, 2012 at 8:02 am

        Però attenzione, prima che qualche rompipalle inizi la manfrina su i “poveri cagnetti”. Si sta scherzando. Nessun animale è stato ferito o ucciso durante la compilazione di questo blog e di quel dossier.

    • teo on gennaio 26, 2012 at 8:13 am
    • Rispondi

    nessun cane è stato ferito nel senso dell’animale vero? 😉 non sono rompicoglioni, i miei ne avevano 2 ed erano buonissimi…i veri rompicoglioni sono i Pincher!! però magari qualcuno potrebbe non essere daccordo 🙂

    1. Sì, dell’animale 😀

  1. Bella “la Tela Nera” e complimenti Marco!
    Ottimo dossier.
    Cazzo ma fermati ogni tanto 😉
    Agli appassionati di serial killer o umani di dubbia umanità consiglio Fattacci di Vincenzo Cerami edito Einaudi.
    Parla di personaggini neri neri di casa nostra. Tra l’altro in quel di Correggio si tenevano delle merende a base di te e biscotti davvero inquietanti.
    Conosci Marco tale Leonarda Cianciulli?
    Potrebbe tornarti utile in un prossimo dossier?
    Io te la butto lì…
    Mette i brividi non lasciartela scappare :-S

    PS:Chissà quando ci faranno sapere qualcosa dei vincitori a “nella tela”.

    1. Poi non sono riuscito a mettere la foto, non ci capisco un beneamato 🙁

      • teo on gennaio 26, 2012 at 8:30 am
      • Rispondi

      la mitica Cianciulli!!! hanno fatto anche un film su di lei, dove Renato Pozzetto, vestito da donna, impersonava una delle vittime.
      ho letto qualcosa su di lei, è veramente agghiacciante…

      1. Teo! Pozzetto in un film sulla Saponificatrice! Fammi sapere! Please!

    2. La Saponificatrice di Correggio, come non conoscerla? E ci prendeva anche due soldini con il sapone 😀


  2. Giornalismo investigativo: un libro davvero interessante e bella intervista.
    Marco te gusta?
    Io non l’ho letto ma il tipo si vende bene.
    Si chiama Sanvitale Fabio e ha scritto: “Leonarda Cianciulli-La saponificatrice”
    Secondo me è nelle tue corde.

    • teo on gennaio 26, 2012 at 8:47 am
    • Rispondi

    Si chiama “Gran bollito” sarà degli anni ’70 🙂

  3. Teo ho trovato il film è GRAN BOLLITO di Mauro Bolognini.

    • teo on gennaio 26, 2012 at 8:51 am
    • Rispondi

    ahahah!!! se non l’hai visto è assolutamente da vedere 🙂 è molto trash però 🙂

    1. Grazie provvederò! Sara un film de …la madonna! (Pozzetto docet)

        • teo on gennaio 26, 2012 at 11:07 am

        ahahah non è molto comico però, e la parte di Pozzetto dura poco 😉

  4. Marco, torno a dirti: ottimo lavoro.
    L’integrazione del testo con le foto di Peter Sutcliffe e il suo peggiorare nell’aspetto quanto nella moralità è resa benissimo.
    Anche le ultime immagini dell’ un uomo, tenuto insieme dai punti di sutura, la dice lunga.
    La narrazione è cronologica e serrata con poche divagazioni, direi documentaristica.
    Questa “discesa” nell’animo umano, non avrebbe potuto trovare miglior padrino.

    1. Grazie Andrea 🙂 Ci ho messo un paio di week end e una revisione o due, però penso ne sia valsa la pena 🙂

  5. Letto, veramente un bel lavoro Marco. 🙂

    Ciao,
    Gianluca

    1. Grazie Gianluca 🙂 Devo fermarmi un attimo per rileggerlo 😀

  6. Ma bravooooooooooooo!

    1. Grazie, un passettino alla volta 🙂

  7. Congrats!!! Non posso dire “bello” perchè suona male, su uno psicoserialkiller con i controcazzi, però insomma ci siamo capiti 🙂

    1. Thanx a lot 😀

Lascia un commento

Your email address will not be published.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: