«

»

Feb 27

I Vermi Conquistatori

Ero titubante sull’acquisto di questo libro. È vero, ne parlavano in tanti e mi sembra tutti bene, ma la trama, che avevo letto di sfuggita, mi faceva pensare a una cosa stile Tremors, e se devo dire la verità, l’idea non mi entusiasmava. Poi, grazie alle promozioni 72 ore della XII, ho messo nel carrello anche questo libro. L’ho lasciato nella libreria fino a pochi giorni fa, finché non mi sono deciso a prenderlo in mano. Mi serviva qualcosa di relativamente breve, perché a dirla tutta attendevo l’uscita di un libro che aspettavo da tempo.

Come tutte le cover di XII, anche questa è stupenda

Inizio il libro e vengo preso, subito, nell’immediato. E sapete da cosa? Dallo stile di Keene. Essenzialmente sono presenti questi fattori, che reputo positivi, molto positivi:

  1. Narrazione in prima persona
  2. Dialoghi veloci, con botta e risposta come piacciono a me
  3. Descrizioni all’osso
  4. Considerazioni del narratore mai pesanti, anzi, molto scorrevoli
  5. Terrore e senso di claustrofobia
  6. Discreto realismo

Ecco, se il realismo di alcune cose fosse stato più che discreto, lo avrei definito un capolavoro. Dov’è per me che cede il realismo? Non parlo naturalmente di particolari tecnici da spocchioso “mr knowitall”, anzi, ma del fatto che uno dei protagonisti sia un anziano ultraottantenne e nonostante ciò, corra, salti, spari e guidi come se nulla fosse. È vero, ogni tanto ha qualche cedimento, ma se avete un parente anziano, vedrete che molte di quelle cose non riuscirebbe a farle. Ammetto di aver storto un po’ il naso subito, poi ho detto “chissene” e mi sono gustato il libro.

Stessi capelli, gusti simili... ecco spiegata la familiarità che ho con lui

Strutturato in tre macro parti, partiamo dalla narrazione di Teddy che ci parla dei suoi ultimi giorni, dopo che un diluvio sta scendendo sulla Terra da settimane. Ora, creature simili a vermi giganti, salgono in superficie per spazzare via e ingurgitare tutto quello che trovano. Teddy ci racconta le ore precedenti, passate insieme all’amico Carl, anziano anche lui, e a tre sopravvissuti a un incidente di elicottero proprio vicino alla sua proprietà.

La seconda parte invece è il racconto di uno dei sopravvissuti a quell’incidente, Kevin, un ragazzo che racconta altre cose strane che hanno visto e gli orrori da cui sono fuggiti.

La terza parte ritorna su Teddy, che conclude il tutto, narrandoci le ultime battute del gruppo ospite a casa sua.

Ebbene, cosa posso dire di questo libro? Incredibile, sorprendente e scorrevole, senza contare che l’ho trovato familiare in qualche modo e mi sono sentito a mio agio, perché la mano di Keene, e spero di non offenderlo, è vicina alla mia come scelte stilistiche e tempi, soprattutto in sintonia con i miei ultimi lavori. Posso dire di aver trovato uno scrittore nuovo che seguirò davvero volentieri in futuro, e di essere rimasto piacevolmente sorpreso di questo libro, che nemmeno volevo comprare.

Prima edizione USA. Meglio la copertina di XII

Un’unica cosa che non ho gradito, ma è un parere soggettivo, sono i capitoli estremamente lunghi. Alcuni superano le 30 pagine. Ripeto, questo è un problema mio, in quanto molto spesso non iniziavo la lettura di un nuovo capitolo, per la paura di lasciarlo a metà. Per il resto un solo consiglio: procuratevelo e iniziate a cercare una casa con piani alti, molto alti.

12 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. LaKate

    Ci sto!!

    1. Marco Siena

      A prendere una casa ai piani alti, o a leggere questo libro?

  2. Helldorado

    Bella recensione, pensavo già di prenderlo appena possibile.

    E sì, la felpa degli Anthrax mi ha definitivamente convinto!

    1. Marco Siena

      Io me lo sono proprio goduto. Keene scrive in maniera nuova e in modo totalmente personale. Lo terrò d’occhio!

  3. Lucia

    Piaciuto tantissimo anche a me. Ho preferito la parte centrale che mi ha riportato alla mia adolescenza passata sui libri di Lovecraft e per il campionario di mostri giganti e terrore cosmico che Keene riesce a dispensare senza mai appesantire la narrazione.
    Davvero una bella scoperta

    1. Marco Siena

      Sono curioso di leggere altro di Keene per vedere se mantiene sempre lo stesso stile. Con questo, mi ha convinto davvero.

  4. Domenico "Helldoom" Attianese

    Un terzo piano è abbastanza alto, o devo preoccuparmi? D: xD

    1. Marco Siena

      Ho paura che non basti un terzo piano 😀

  5. Narratore

    Evvai! Grande libro e grande recensione!
    Sì, in effetti l’ultraottantenne che sembra un giovinetto lascia un pò perplessi, almeno all’inizio, ma poi ci si fa l’abitudine…
    Sai che esiste un seguito, che riprende la storia nel punto esatto in cui s’interrompe? L’ha pubblicata Keene, a puntate, sul suo blog. Non so se ti può interessare, visto che è in inglese, ma sto convertendo tutto per farne un ebucco da leggere comodamente con il reader…

    1. Marco Siena

      Grande Paolo! Bella dritta questa. Ora me lo cerco e mi aggiorno subito. Ne voglio di più 😀

  6. claudio vergnani

    Se non fosse che è scontato come accostamento, sottolinerei che il diluvio è la crisi economica e i vermi sono Monti e i suoi fidi che escono dalle viscere della merda (sorry: refuso, intendevo terra) per divorarci …

    1. Marco Siena

      La differenza che le gocce di questo diluvio/crisi, hanno iniziato a cadere negli anni ’80, e noi ci coprivamo con un ombrello leggero leggero, tipo quelli da bancarella al mare. Purtroppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: