«

»

Nov 28

Top 5: cinque sigle di serial tv

Certe cose andrebbero scritte subito, perché poi si rischia di dimenticarsi tutti i link di chi ci ha preceduti. Chiesi perfino chi fossero, mi risposero, ma oggi che sono qui a stilare la Top 5, non me li ricordo già più. Va beh, sempre di corsa, orari sballati… e chi vuole, me lo faccia sapere che lo linko.
Il succo della Top 5 era scrivere le 5 sigle di serial che hanno significato qualcosa, che ci sono piaciute o a cui siamo legati. Ed ecco la mia.

5)Ralph Supermaxieroe
Una sigla memorabile per un serial di quando ero bimbo, sempre piaciuta e canticchiata. Il testo, Believe it or not, dà un senso di spensieratezza unico, e allo stesso tempo fa riflettere. A voi la sentenza.

4)Star Trek Enterprise
Ammetto che gridai allo scandalo la prima volta che sentii questa sigla. Ma come, nessuna musica orchestrale per una serie di Star Trek? E chi diavolo è quello, Bryan Adams? Poi, entrando meglio nella serie, capii che in fondo ci stava bene, adattandosi allo spirito del serial. Il ritornello I can reach any star” dava un senso ai sogni dei primi esploratori.

3)The Hunger
Serie tv legata/ispirata all’omonimo film di Tony Scott, prodotta dai fratelli Scott, Ridley e per l’appunto Tony. Ottima serie horror, con presentatori d’eccezione come David Bowie e Terence Stamp. Difficile trovarne l’opening. Ho trovato l’outro che è pressoché uguale musicalmente ma non ha le immagini. Sorry.

2)Battlestar Galactica
Un mantra Hindu per l’opening di questa serie, che ci faceva vedere i momenti salienti di quello che accadeva all’inizio della serie, e il countdown dei sopravvissuti. Diceva: “Om bhûr bhuvah svah tat savitur varçnyam bhargô dçvasya dhîmahi dhiyô yô nah pracôdayât”

1)Millenium
Una grande sigla, sia dal punto di vista musicale che visivo. L’essenza del telefilm era racchiusa lì, in quelle immagini che alternavano luce e calore per la moglie e la figlia, e grigi e colori autunnali per il resto. Le frasi che passavano, erano un tocco di classe. Una buona serie che si rovinò verso la fine. Purtroppo non ho trovato la sigla con il filmato.

9 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Andrea

    Ecco altre 5 degne di nota:
    5) MCGyver
    http://www.youtube.com/watch?v=V_0hpgRqW_o
    4) Hazzard
    http://www.youtube.com/watch?v=3nN95YqRWpg
    3) Chips
    http://www.youtube.com/watch?v=MSu_4WSuvqY&feature=related
    2) A-Team
    http://www.youtube.com/watch?v=bXAXR6zgAJA
    1) Al primo posto la migliore di sempre:
    Magnum P.I.

    1. Marco Siena

      Chips non l’ho mai digerito. Forse Estrada facevo troppo il ganzo per essere credibile.

  2. claudio

    Apperò, incidentalmente (perchè il tuo post non è centrato su questo nello specifico) imparo che c’era unaa serie tv ispirata a The hunger … Il film mi era piaciuto. La serie era all’altezza?

    1. Marco Siena

      Beh, la serie è stata una delle più interessanti dai tempi di The Twilight Zone. Lo stile è quello, episodi autoconclusivi, ma prettamente horror.

      1. claudio

        provo a cercare in rete

  3. Paolo Ungheri

    Vai, Ralph continua a mietere vittime! Sono felice di non essere l’unico ad ad aver apprezzato quel serial e la sua rispettiva sigla.

    Comunque, Faith of the heart, la sigla di Enterprise, era cantata in origine da Rod Stewart, poi nella versione televisiva riarrangiata da Russel Watson, anche se in quell’occasione il titolo è stato cambiato in Where my heart will take me.

    Ok, momento saccenza finito, Scusami ma adoro quel pezzo e mi faccio prendere dalla precisite! 😛

    1. Marco Siena

      Ora non mi piace più, tiè! Scherzi a parte, ci sta da Dio con la serie. E ora, parlando di Enterprise, mi ritiro a piangere per la dannata soppressione 🙁

  4. Fra Moretta

    Millennium è anche una delle mie sigle preferite,il tema musicale era uno dei migliori del periodo.

    1. Marco Siena

      La rabbia di non aver trovato il video!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: