«

»

Apr 20

Sangria al Victoria

Ricetta del sabato in onore della serata di ieri sera, al Victoria Cinema di Modena dove si è tenuta la presentazione/reading di Claudio Vergnani, introdotto da Iari Nora. Dovete sapere che come avvenne alla mia, di cui scrissi QUI un anno fa circa, è usanza per pochi spiccioli potersi bere della Sangria di giornata e servirsi al buffet. L’iniziativa dell’organizzazione del Victoria ha dato un altro volto alle classiche presentazioni, attirando così gli spettatori che potranno come dicevo, per pochi euro bere e mangiare. C’è chi questa cosa non la capisce e pensa di pagare un biglietto, quando invece si hanno per pochi euro le seguenti cose:

  • Sangria a go go
  • Buffet ricco
  • Presentazione di un autore (sia mai che vi venga pure voglia di leggere)

 

Una foto del palco del Victoria, preparato ad hoc per la serata.

Una foto del palco del Victoria, preparato ad hoc per la serata.

 

Innanzitutto il nome della bevanda è logico da dove provenga, e cioè da sangre, essendo di colore rosso intenso, anche quando viene preparata nella sua versione della Catalogna, con vini bianchi o spumante al posto del rosso. Insomma, si beve tra la Spagna e il Portogallo da tempo immemore, ed è ormai diffusa ovunque.
E allora, qual è la ricetta classica di questa bevanda iberica?

  • Vino rosso (tosto, non del lambrusco…)
  • Brandy o Rum
  • 1 limone
  • 2 o 3 Pesche gialle
  • 2 arance
  • 2 mele
  • Gassosa o Seltz
  • Scorza di cannella
  • Chiodi di garofano
  • Zucchero

sangria

Mettete tutti gli ingredienti in un recipiente per una notte intera, tranne la Gassosa. Il giorno dopo, aggiungete frutta fresca e la Gassosa e servite in una brocca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: