Un discusso passo di Cechov

Qualche giorno fa, un’amica ha condiviso un passo di Anton Cechov, lo scrittore russo che credo conosciate tutti. Il passo, che vi andrò a proporre tra poco, è stato subito osteggiato in due commenti.

anton

Cechov diceva questo:

La brevità è sorella del talento, tagliare il superfluo per arrivare all’essenziale è doveroso. Il che vuol dire, per esempio, che le descrizioni della natura debbono essere brevi e ‘à propos’, evitando i luoghi comuni, perché il lettore chiudendo gli occhi possa di colpo rappresentarsi il paesaggio descritto. Leggendo le bozze, cancellate, dov’ è possibile, gli aggettivi e gli avverbi. Togliete tutto ciò che ingombra e impaccia il lettore.

Ora, sapete benissimo quanto ami il minimalismo, e quanto preferisca scrivere – ma mi riesce anche più naturale – con questo stile. Come ho detto mille volte, solo uno sciocco può pensare che sia più semplice e che sia una scorciatoia: dosare le parole non è più facile che lasciarsi andare a un diluvio verbale.

Penso per esempio nella vita di tutti i giorni, quando la nostra attenzione deve essere catturata e il nostro interlocutore ha poche parole a disposizione per farlo, evitando in questo modo che non ci distraiamo mentre lo ascoltiamo. Se chi ci parla è bravo, ci spiega tutto in poche parole, e arriva dritto al punto.

artic

Ecco, io continuo a condividere il pensiero che riporta Cechov qui, e non amo scrivere né leggere periodi infarciti di aggettivi, che sopporto ancor meno degli avverbi. Capita spesso invece di trovare libri in cui per ogni sostantivo vi siano uno o più aggettivi, ed è dura arrivare in fondo persino al capitolo.
Con questo non dico di eliminarli, ma cercare di usare gli essenziali. Magari a me sembra di esserlo già, ma vi garantisco che mi alleno, scrivendo, ad asciugare sempre di più la mia prosa e cercare di usare meno parole possibili ma farvi arrivare dritti al punto. Il mio scopo è farvi vedere la scena nella stanza, senza dirvi tutto ciò che c’è all’interno, facendo in modo che però voi l’abbiate percepito lo stesso. Come? Ci vuole allenamento e studio, e tanti fallimenti

2 comments

    • Vittoria on giugno 30, 2014 at 2:06 pm
    • Reply

    Non posso che trovarmi d’accordo: barocchismo non corrisponde a talento.

    1. E spesso non è nemmeno piacevole da leggere. Mi troverai sempre d’accordo.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: